< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Sembra
  • Altre pandemie
  • Che esiste una cosa come la cruda, incontaminata, immotivata gentilezza
  • Gli altri siamo noi
  • Divieto di accesso
  • O. e le sue sorelle
  • 1,47
  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • December 2011
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/12/2011

    Rane a Rubiera blues

    Filed under: — JE6 @ 11:43

    Alle nove di sera Piazza 24 maggio è uno stadio vuoto, luminoso e gelido. La temperatura è finalmente scesa sotto zero, e sembra di stare in una città tedesca, con gli alberi decorati, le luminarie non pacchiane e quell’aria di ghiaccio che ti prende appena scendi dalla macchina e ti entra negli occhi fino a farli lacrimare – e allora ti pare di vedere più lontano, più nitido. Ci fermiamo per un secondo, con i cappotti infilati a metà e i nodi delle cravatte ancora ben stretti, e prendiamo freddo e fiato perché è stata la solita giornata di centinaia di chilometri e mail e telefonate e messaggi senza risposta e clienti da coccolare e colleghi da calmare e tutto il resto, e in quel secondo penso a quel vecchio pezzo, Rane a Rubiera blues, penso che non è stagione, penso chissà dove sono le rane adesso qui a Rubiera provincia di Reggio Emilia – poi lui mi fa cenno con la testa, entriamo, ho fame, e dietro il vetro della porta di ingresso vedo questa signora che potrebbe essere una mondina di Novi, fasciata nel suo abito nero con un grande fiore rosso al petto, buonasera avete prenotato?

    7 Responses to “Rane a Rubiera blues”

    1. Stella Says:

      …il buon vino rosso che ti scalda, quel camino che accoglie, le risate discretamente celate mostrano l’accoglienza del luogo. Con uno sguardo rapido si cerca il tavolo perfetto, ne adocchiano uno…prenotato. Ma là in fondo vicino alle belle vetrate ingentilite da tendine ricamate c’è ne uno, sembra il posto adatto per ritrovare il gusto di parlare d’altro…
      Adesso sono in tanti a farlo, una migrazione di popoli che viaggia per scambiare i doni: fatti di sguardi, di suoni, di odori di pietanze e di abbracci infiniti.

      Buon Natale a tutti e a Lei Sir. 🙂
      l

    2. Stella Says:

      é saltato un pezzo del racconto¡ non so, sono dispiaciuta. E poi arrivano le chiamate al momento sbagliato!

    3. Stella Says:

      …il buon vino rosso che ti scalda, quel camino che accoglie, le risate discretamente celate mostrano l’accoglienza del luogo. Con uno sguardo rapido si cerca il tavolo perfetto, ne adocchiano uno…prenotato. Ma là in fondo vicino alle belle vetrate ingentilite da tendine ricamate c’è ne uno, sembra il posto adatto per ritrovare il gusto di parlare d’altro…
      Adesso sono in tanti a farlo, una migrazione di popoli che viaggia per scambiare i doni: fatti di sguardi, di suoni, di odori di pietanze e di abbracci infiniti.

      Buon Natale a tutti e a Lei Sir. 🙂
      l ecco!

    4. Stella Says:

      …il buon vino rosso che ti scalda, quel camino che accoglie, le risate discretamente celate mostrano l’accoglienza del luogo. Con uno sguardo rapido si cerca il tavolo perfetto, ne adocchiano uno…prenotato. Ma là in fondo vicino alle belle vetrate ingentilite da tendine ricamate c’è ne uno, sembra il posto adatto per ritrovare il gusto di parlare d’altro…
      Adesso sono in tanti a farlo, una migrazione di popoli che viaggia per scambiare i doni: fatti di sguardi, di suoni, di odori di pietanze e di abbracci infiniti.

      Buon Natale a tutti e a Lei Sir. 🙂
      Ecco!

    5. Sir Squonk Says:

      Molti auguri anche a Lei. Ecco.

    6. Stella Says:

      Molto simpatico grazie 🙂

    7. stella Says:

      Però fanno numero! 😉

    Leave a Reply