< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • February 2012
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    272829  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/02/2012

    Hugs for free

    Filed under: — JE6 @ 09:15

    Stiamo chiudendo la telefonata, abbiamo fissato l’appuntamento – venite voi da noi, sì certo -, siamo pronti tutti e due a tornare alle nostre cose, e in quel momento lo sento salutarmi dicendo “un abbraccio”. Che non c’è nulla di male, sia chiaro, è solo che mi prende alla sprovvista e in quel secondo che mi ci vuole per schiacciare il tasto rosso e appoggiare il telefono sulla scrivania mi torna in mente l’immagine di quello stand che ho visto un paio d’anni fa, stavo andando a parlare con un signore che non conoscevo e che avrei trovato vestito con un kilt scozzese, e in questo stand c’era una ragazza, piccola, molto carina, con un cartello al collo che diceva hugs for free, e la gente si metteva in coda, lei sorrideva e abbracciava – niente baci, gli americani non li amano -, chi voleva poteva anche farsi fare una foto, e con quell’immagine negli occhi cerco di realizzare quando abbiamo iniziato ad abbracciare e farci abbracciare così, tra clienti e fornitori, tra colleghi, tra amici degli amici, for free e for nothing.