< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • February 2012
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    272829  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/02/2012

    La stessa età, lo stesso giorno

    Filed under: — JE6 @ 17:08

    Ho sempre avuto passione per i cimiteri – niente di morboso, sono solo abbastanza convinto del fatto che si capisce molto della vita (almeno di quella di una città, di un paese) guardando come ne viene celebrata e conservata la morte. Poi ci sono i cimiteri di guerra, e quelli sono una storia a parte; perché non importa la dimensione, se enorme come quella del cimitero di Omaha Beach o minuscola come quella del cimitero del parco di Trenno a Milano, non importa se i soldati sepolti sono fanti o aviatori o carristi o parà, non importa se sono tedeschi o inglesi o americani o italiani – c’è che guardi le lapidi, e dopo averne viste dieci e venti e cento quei numeri e quelle lettere vengono fuori dal marmo come in una puntata di Numbers, e realizzi l’ovvio, che è pure il tragico, e cioè che avevano tutti più o meno la stessa età, morirono tutti più o meno negli stessi giorni, quelli delle battaglie, dei bombardamenti, dei trasferimenti in massa, degli sbarchi, e tutti, tutti, tutti a mille miglia da casa, da casa loro.

    (A Rimini, sulla strada per San Marino, c’è questo piccolo cimitero di guerra del Commonwealth, ha 614 tombe di fucilieri Gurkha, nati in Himalaya e venuti a morire in Romagna. E’ un sacco di strada, per un ragazzo di diciannove anni)