< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • May 2004
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/05/2004

    Heimat

    Filed under: — JE6 @ 16:54

    Cos’è che mi fa chiamare un posto “casa”?
    Che cosa mi fa dire di (non) essere a casa?
    Se avete voglia, lo potete raccontare a Marco.

    Piange (a)l telefono

    Filed under: — JE6 @ 12:16

    Per fortuna avevo il cellulare spento, ieri sera.
    Così, ho evitato di rovinarmi la serata leggendo il messaggio che il ragazzo di bottega ha pensato bene di inviarmi mentre, con le lacrime agli occhi (parole sue), ascoltava Peter Gabriel cantare “San Jacinto”.

    Il gentil sesso

    Filed under: — JE6 @ 10:34

    Ho sempre pensato che, in fondo, le differenze tra uomini e donne – maschi e femmine, come si diceva a scuola – si limitano a ciò che consente di perpetuare la specie e poco più.
    E’ una convinzione che non poggia su alcuna base scientifica, nel senso che non mi sono mai messo a leggere ponderosi tomi sull’argomento: mi guardo intorno, e questo è quanto.
    Eppure, le foto di Lynddie England che si bulla davanti ai prigionieri iracheni di Abu Ghraib, seppure confermano la mia “teoria”, mi tolgono quel filo di desiderio di illudermi che la salvezza del mondo sia un compito troppo difficile per noi maschi, ma non impossibile per le donne.