< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • May 2004
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/05/2004

    Brutte letture

    Filed under: — JE6 @ 08:49

    Carver – che Dio lo benedica – mi sta rovinando la vita. Se non fosse per lui, non mi metterei a litigare con una persona alla quale voglio molto bene.

    In definitiva, le parole sono tutto quello che abbiamo, perciò è meglio che siano quelle giuste.

    Update: Shangri risponde da par suo. Io, nei commenti, faccio quello posso. Di tutto questo, a me rimangono alcuni dispiaceri, e la consolazione di discutere con una persona intelligente. Di questi tempi, non è cosa da poco.

    12 Responses to “Brutte letture”

    1. Effe Says:

      Pensi, a me ne hanno regalato uno, di Carver. A questo punto, so mica se lo leggo

    2. Squonk Says:

      Lo legga, lo legga. La citazione è di pagina 19.

    3. r. Says:

      Ciao squò. Vorrei litigare un po’ con te. Credo sia solo per avere la citazione di Carver. Dunque comincio io: valgono le parolacce?

    4. sphera Says:

      Mi domando chi possa mai averle regalato un Carver.

    5. Effe Says:

      Un provocatore, evidentemente

    6. Squonk Says:

      R., si trovi un’altra scusa. La citazione sta già nel post.

    7. Auro Says:

      scusate, domanda idiota: anche io voglio un Carver in regalo… perché a me non hanno mai regalato un Carver? (ste discriminazioni…)

    8. davide l. malesi Says:

      a me l’hanno regalato. ne hanno regalati due, veramente. li ho letti. le persone che mi li hanno regalati non verranno accoltellate solo perché voglio loro tanto bene. anche se una delle due mi ha regalato anche “le correzioni” di franzen, perciò ha delle aggravanti.

    9. Squonk Says:

      Argh. Il massimo che posso concedere è che “Le correzioni” abbia un centinaio di pagine di troppo, come il 90% dei libri moderni. Il che, per l’appunto, mi fa apprezzare Carver vieppiù.

    10. malesi Says:

      Non un centinaio, Squonk… Io direi 250-300, e almeno un episodio inutile. Ma poi, la mia è un’opinione come un’altra.

    11. Squonk Says:

      Facciamo 170, ci troviamo a metà strada. E siamo tutti e due più vicini al vero. Però, questa cosa che gran parte dei libri moderni sia affetta da logorrea, fa pensare, no?

    12. malesi Says:

      Eccome se fa pensare. C’è gente che ha scritto capolavori lavorando in spazi stretti: mi vengono in mente Borges, James M. Cain, Selby, Puskin, Conrad: non so, ho la sensazione che ad allungare il brodo ci voglia poco – il difficile è dire le stesse cose in un brodo ben ristretto.

    Leave a Reply