< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2004
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/05/2004

    Il più grande amico dell’Amazzonia

    Filed under: — JE6 @ 13:32

    8 volumi, 1200 pagine per volume, 9600 pagine in totale. Una produzione che sta a metà tra l’Ariosto (per scorrevolezza della prosa) e Stephen King (per quantità di parole vergate).
    Io non ho ancora incontrato un umano pensante che stia acquistando l’opera omnia di Eugenio Scalfari. E voi?

    4 Responses to “Il più grande amico dell’Amazzonia”

    1. Effe Says:

      pensavo di regalargliela per natale

    2. marco Says:

      Dato lo spessore non si puo’ neanche dire che alla peggio lo si usa per pareggiare le gambe del tavolo.
      Come fermaporta pero’ va bene, anche per le porte blindate.

    3. sphera Says:

      Adesso gli hanno proposto di scriverne altri sei volumi di note e chiose. Pur di tenerlo occupato per qualche altro anno, che crepi l’Amazzonia.

    4. Motore di Schietti Says:

      Parliamo di economia!

      Alcuni anni fa dopo aver organizzato alcune manifestazioni a difesa dei popoli indios fui invitato in Brasile ed andai in un luogo segreto nella foresta dell’Amazzonia a ritirare la laurea ad honorem dell’Università della Foresta.

      I professori erano nientemeno che i guardiani della foresta, quelli del cielo, quelli del tempo e quelli dell’amore.

      Mi spiegarono che la foresta pluviale sosteneva il cielo e nel caso fosse stata abbattuta il cielo sarebbe caduto sulla terra ponendo fine ai tempi della coscienza e che perciò non sarebbe mai più esistito l’amore.

      Mi chiesero un discorso per la consegna della laurea.

      Decisi di parlare di sviluppo ed economia.

      Spiegai che se si semina un chicco di mais cresce una pianta che fa 1000 chicchi e quindi in un anno il mais ha una resa del 9999%.

      Una banconota da 100 dollari seminata in banca invece ha una resa del 5%.

      Spiegai che se in uno specchio d’acqua ci sono un centinaio di bei pescioni, ogni anno, lasciandone un bel centinaio, se ne possono pescare almeno mille, con una resa del 1000%.

      Un pezzo d’oro messo in una cassaforte l’anno dopo invece rimane tale e quale.

      Gli spiegai che con la tecnologia l’uomo ha inventato degli strumenti con i quali si può trasformare il vento, il sole, le onde e le correnti, in luce, forza e calore, trasportabili a distanza, con i quali dare energia a strumenti utilissimi.

      Spiegai che con un pannello solare per secoli e secoli si può ottenere luce.

      Una resa almeno del 100.000%.

      Un litro di benzina invece quando è bruciato, è bruciato per sempre, con una resa vicino allo zero.

      Spiegai che tagliando un ramo dell’albero si possono ottenere fibre vegetali all’infinito perchè il ramo ricresce con una resa del 10.000.000.000%.

      Se invece tagli l’albero e non ne semini un altro, la resa è sottozero, perchè i benefici ottenuti dal suo legno non potranno mai ripagare la perdita di quell’albero.

      Perchè il cielo è scientificamente provato che venga sorretto dagli alberi.

      Tagliando gli alberi si mettono in moto una serie di devastanti cambiamenti climatici e di fatto il cielo cadrebbe sulla terra schiacciando tutto e tutti, compresi gli esseri umani e quindi tutto finirebbe e moriremmo tutti e non ci sarebbe più un oggi, un ieri o un domani.

      “Non ci sarà mai più nessun tipo di sviluppo e di economia. E non basterà correre il più forte possibile perchè quando finisce tutto, tutto finisce e non c’è più il tempo neanche per scappare”.

      Quando tutto finisce non c’è più il passato, il presente ed il futuro.

      Per l’amore invece ci vuole tanto passato, tanto presente e tanto futuro e se non c’è più il tempo per amare, non ci può più essere neanche l’amore e perciò mi girai verso il mondo e gridai:

      “Perfavore, se stai ascoltando questo discorso, se per caso stai tagliando un albero della foresta, smetti immediatamente!

      Stacca un ramo, staccane due, pefavore, ma non tagliare tutto l’albero.

      Se tagli un ramo e torni l’anno venturo ne ritrovi un altro.

      Se tagli l’albero non c’è più nulla fra la terra ed il cielo, non c’è più nulla che tenga alzato il cielo sulle nostre teste.

      Se tagli gli alberi il cielo ti casca sulla testa e moriamo tutti: vuol dire che non ci sarà mai più un ieri, un oggi ed un domani e non ci sarà mai più amore. Per nessuno, neanche per te!

      Se proprio devi tagliare un albero, metti un seme e vedrai che ne crescerà un altro”.

      Applaudirono, mi baciarono, mi abbracciarono, mi strinsero le mani alcuni si misero a piangere e trasformarono la laurea ad honorem in laurea a piena voti.

      L’anno della biomassa

    Leave a Reply