< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • April 2021
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/04/2021

    Play around it

    Filed under: — JE6 @ 18:43

    In una intervista a Marc Maron, Paul Shaffer – che noi qui conosciamo come il leader della band che ogni sera accompagnava il Late Show di Dave Letterman e in realtà è un musicista straordinario che ha suonato con chiunque facendo anche la storia della televisione americana – racconta che un giorno Miles Davis gli disse una frase che lui ricorda come una delle grandi lezioni della sua carriera e della sua vita: “Start with the root, Paul, but then play around it. Don’t play the root, play around it“. Parti in do ma non fare il giro completo, non ritornare lì. Giraci attorno. E’ un po’ che ci penso, è bello anche e forse soprattutto che in inglese quel root ricordi la radice, ciò da dove partiamo e che ci tiene legati a un’origine senza legarci ad essa schiacciandoci al suolo. Play around it, senti come suona bene, che bella lezione.

    2 Responses to “Play around it”

    1. Roberto Says:

      Play a round IT

    2. Roberto Says:

      Scusami, ho sbagliato sembrava un gioco di parole
      Siamo liberi, nasciamo liberi quando la perdi ti rendi conto….

    Leave a Reply