< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • March 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/03/2005

    All’aria aperta

    Filed under: — JE6 @ 09:59

    Gente, qui non si vuole essere da meno rispetto ad alcuni maggiorenti della blogosfera, e quindi si lancia il grande concorso:
    Racconta le tue outdoor activities
    Adesso, non fate quella faccia stranìta. Le outdoor activities sono l’equivalente aziendale di Giochi senza frontiere. Vengono riuniti, in un qualche luogo possibilmente impervio, gruppi di sedicenti manager e loro subalterni, i quali vengono sottoposti ad ogni tipo di angheria al fine di stimolare il cosiddetto spirito di team. Si va dal free climbing alle cacce al tesoro, passando per tutti gli stadi della perversione dei team builders.
    E’ l’ora di ribellarsi.
    E’ l’ora di sbertucciare pubblicamente questa insana pratica aziendalista.
    E’ l’ora di raccontare tutto.
    Forza.

    18 Responses to “All’aria aperta”

    1. marco Says:

      Sono per mia fortuna del tutto fuori dal giro delle outdoor activities, ma gia’ mi basta sentire quelle di un mio amico. Adesso cerco di convincerlo a scriverti qualcosa.

    2. bambolescente Says:

      soluzioni improbabili:

      capo in tailleur: bambolescente ti sei pettinata con le miccette anche stamattina?
      dai, andiamo dal mio parrucchiere insieme, alzati da quella scrivania, ti porto anche a fare un impacco di fanghi rossi.

      bambolescente: scusi ma secondo lei perchèdiamine avrei mai scelto di fare del telelavoro se non per evitare la sua compagnia?

      fine videoconferenza
      fine delle bellesperanze del telelavoro

    3. ermagister Says:

      unica esperienza da segnalare la costruzione di un ensemble di percussionisti di samba con 60 executive e partner di una Big Five della consulenza (poco meno demenziale del piano industriale “sfidante” molto niueconomy che venne presentato 2 ore dopo)

    4. sphera Says:

      Ma perchè sta gente non va a lavorare, invece?

    5. Sasuke Says:

      Mi spiace ma non posso risponderti, io non lavoro: faccio lo scrittore. Io.

    6. mafe Says:

      L’unica esperienza subita era indoor. Agenzia di relazioni pubbliche, un centinaio di persone. Ci hanno fatto scrivere le nostre migliori capacità su dei post it colorati e poi andare in giro a scambiarle (tipo, ti do’ un “programmo videoregistratori” in cambio di un “scrivo comunicati stampa in tre minuti senza sapere niente del cliente”). In sè, la cosa era stata anche divertente, se non ci fosse stato il predicozzo finale: tutti i post sono stati appiciccati su un muro e ci hanno spiegato per filo e per segno come eravamo bravi e belli e tutti colorati (sic) se ci scambiavano le competenze. Non ci si poteva credere.

    7. Squonk Says:

      Ehi, ehi, ehi: tutto qui? Intendiamoci, l’ensemble di percussionisti non è male, ma non è possibile che sia l’unico ad aver fatto delle immonde cazzate di cui tutt’ora si vergogna. Non lasciatemi solo.

    8. Attentialcane Says:

      Caro Squonk lei è stato un cinico ad aprire questo gioco.

    9. Squonk Says:

      E perchè mai? E’ comunicazione a sfondo sociale.

    10. Lizaveta Says:

      Mi dica che non è vero, Sir, me lo dica.
      Devo sapere se siete tutti Fantozzi o altro.
      (yuk yuk yuk, non posso trattenere una risatina sardonica)

    11. Squonk Says:

      E’ tutto vero. Il mio racconto, alla prossima settimana.

    12. mafe Says:

      Grazie al cielo ho lavorato come freelance per il 90% della mia carriera 🙂
      Però ho un asso nella manica: un amico che lavora, strapagato, per inventarsi questi simpatici giochetti.

    13. Squonk Says:

      Lo voglio. Insomma, voglio almeno un suo racconto.

    14. Gilgamesh Says:

      Guerra simulata, anche conosciuta come “Soft Air”, ovvero la versione coi pallini che non macchiano, ma fanno MALE, soprattutto a distanza ravvicinata.

      Non scherzo.

      Pare ritengano formi il carattere e aiuti a scegliere i leader nati, ovvero i futuri vicepresidenti, non solo gli executive, gli account e i product manager.

      Il bello è che poi ho lasciato quell’azienda (multinazionale settore telecomunicazioni, e di più non dico, ché ancora ci collaboro, ogni tanto) e sono diventato vicepresidente, si, ma di un club di “War Game”, e poi presidente e top shooter, partecipando anche a competizioni regionali e, una volta, a livello nazionale. Usavo un Sig-Sauer 551-S, con ottica Tasco, puntatore laser e visore notturno. Non ci si prendeva troppo sul serio, è come giocare a Guardie e Ladri da adulti (‘nsomma) e comunque fisicamente è impegnativo già una volta a settimana, la domenica o il sabato pomeriggio, e manco poco.

      Finchè è durata (oltre 6 anni, ma ho ancora tutta l’attrezzatura. Prima o poi la metterò su Ebay.)

    15. jorma Says:

      La fanno arrampicare sull’albero con una rosa in bocca?

    16. jorma Says:

      Non credo che nel mio nuovo lavoro ci saranno outdoor activities…

    17. Leonardo Says:

      E poi parlano male dei dipendenti pubblici…

    18. Jaisalmer Says:

      Adesso le fanno fare anche agli aspiranti ricercatori universitari. Due di queste, riguardanti il teamwork, erano il gioco dell’artificiere (come disinnescare una bomba usando secchi d’acqua) e far percorrere a una biglia 40 metri fino a un bicchiere usando solo due stecche solcate a V.

    Leave a Reply