< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/11/2007

    Ciò che potrebbe essere

    Filed under: — JE6 @ 11:25

    Mi hanno appena dato una notizia piuttosto drammatica sul conto di una ragazzina, una sedicenne che conosco di vista, parente di ottime persone che conosco molto bene.
    Uno di quei piccoli drammi tanto comuni, che tutti conosciamo e sui quali discutiamo pomposamente bevendo un caffè, perchè tanto non toccano e non toccheranno mai noi, ma sempre gli altri.
    Mentre mi veniva descritta la situazione di questa adolescente, metà del mio cervello e tutto lo stomaco hanno lasciato la stanza se ne sono andati per conto loro, mentre le orecchie continuavano ad ascoltare e la bocca continuava a dire “quanto mi dispiace, ma vedrai che si mette tutto a posto“: cervello e stomaco sono tornati a casa, hanno disinserito l’antifurto, hanno acceso la luce dell’ingresso, hanno percorso il corridoio e sono entrati in camera di mia figlia (che oggi è mia figlia, e non la persona corta). Si sono fermati a guardare i peluche, le tende colorate, le Barbie, i dvd dei cartoni animati. Hanno provato a immaginare mia figlia nella stessa situazione di quella ragazzina: si sono guardati, e non hanno saputo cosa dirsi.

    Qualcuno, questa mattina, mi ha fatto notare che il post era ancor più confuso del solito – e del voluto. Era vero: ho provato a rimetterci mano ma non credo di aver ottenuto grandi risultati. Comunque non preoccupatevi, sono solo le paturnie di un padre.

    5 Responses to “Ciò che potrebbe essere”

    1. Albamarina Says:

      Non sembra confuso, semmai sofferente. E consapevole, che non è roba da poco.

    2. camillo Says:

      Tirarli su sapendo che (comunque):

      1) Come quello di Verona ti potranno ammazzare per una BMW;
      2) Non proveranno neanche a convincerti che il porno non è poi così male;
      3) Si, voglio farmi prete!
      4) Si, voglio farmi un prete!
      5) devo continuare…? E continuare con una serie di non fare questo e non fare quello, di salti di gioia per una partita vinta… oppure – il mio “corto” ieri – conversare amabilmente con altri tre “anziani” (sconosciuti) a tavola come fosse la cosa più naturale del mondo. Era fantastico. Don’t worry, be happy.

    3. Leo Says:

      Confuso, ‘sta cippa. Cervello e stomaco ormai li ho perennemente in trasferta. Credo che frequentino gli stessi postacci che frequentano i tuoi. Se li vedono in giro, digli di salutarmeli.

    4. francesco Says:

      io l’avevo capito anche prima, saranno le analoghe paturnie di un padre

    5. daniela Says:

      mi pare tutto chiaro, in verità, perfino in assenza di paturnie materne.
      ma magari stamattina era diverso, non so, leggo ora

    Leave a Reply