< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/11/2007

    Un solo dovere

    Filed under: — JE6 @ 09:39

    “Allora, mi sono detto che io, personalmente, e la polizia come istituzione avevamo un solo dovere: assicurare alla famiglia Sandri la verità sui fatti che hanno deciso della vita di Gabriele”.
    Ecco, io vorrei dire al capo della Polizia che la verità non è dovuta alla famiglia Sandri, ma a tutti noi, come la verità su Piazza Fontana, sull’omicidio Calabresi, su Piazza della Loggia, su Ustica, sull’omicidio Moro; vorrei dire che non si chiede ai familiari delle vittime l’autorizzazione a dare una grazia o la semilibertà al detenuto colpevole del danno procurato a un loro caro; vorrei dire che sarebbe bello, sarebbe quel che si dice un segno di civiltà se tutti quanti ci ripulissimo la mente da questi schemi mentali che riflettono quel familismo deteriore che è uno dei tratti salienti dell’essere italiani. Vorrei dire, sapendo che non serve a nulla.
    Repubblica.it

    6 Responses to “Un solo dovere”

    1. 003 Says:

      e magari anche Carlo Giuliani e tutti i fatti di Genova, toh.

    2. Squonk Says:

      Sì, certo, la lista è lunga, e mette insieme tanti fatti e tante persone. Non mi interessa, non voglio fare una lista “di parte”.

    3. 003 Says:

      Sì, sì, Squonk, non era una critica al post 😉
      E’ che in tutto questo parlare di polizia armata ci ho pensato spesso, ecco.

    4. camillo Says:

      E gliela assicuriamo – la verità – anche se dice che il morto (poveretto) – od i suoi amici – aveva appena finito di spaccarsi ombrelli sulla testa con gli occupanti dell’altra auto?

      E poi – sarò prosaico – ma le forze dell’ordine (questo sono, piaccia o meno) si barricano per evitare guai peggiori? Ed a quei poveretti cui hanno bruciato l’auto… che glielo dice che almeno “si è evitata la mattanza”?

    5. DestraLab » Il colore politico? Says:

      […] Un solo dovere. […]

    6. daniela Says:

      non servirà, ma lo dica lo stesso. Che io, qui da me, di famiismo sto quasi soffocando …

    Leave a Reply