< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/06/2004

    Non ci si può feedare di nessuno (o quasi)

    Filed under: — JE6 @ 16:50

    Per usare un eufemismo, nel mio Feedreader i feed di Blogitalia stanno combinando un troiaio di proporzioni epiche (e si apprezzi la scelta dell’aggettivo, per cortesia).

    6 Responses to “Non ci si può feedare di nessuno (o quasi)”

    1. EmmeBi Says:

      Oh ma lo sai che alla fine Blogger-blogspot è il migliore?

    2. FranCiskje Says:

      Feed e auditel: ma, pensavo, molti sono stat-pendenti. Distribuire i contenuti del blog con i feed non è controproducente? (E io ho i miei da un pezzo, diciamo)

    3. marco Says:

      Leggo i feed con Bloglines e ho lo stesso problema. Sabato ho scritto a BlogItalia per fare presente il problema ma per il momento non hanno risposto.

    4. Squonk Says:

      MB, adesso non si allarghi, per cortesia (e veda di iscriversi al JIBC di cui sotto).
      Marco: typical italian, direi. Domani è festa, magari ce la fanno per giovedì.
      Fran (maledetto, un nick più semplice da scrivere no, vero?): non capisco perchè dovrebbe essere controproducente. Lato utente (lettore), i feed sono di una comodità clamorosa. E ciò che è utile per il cliente, è utile anche per il produttore, direi. O no?

    5. marco Says:

      FranCiskje, sono dell’avviso che tutto quello che facilita l’accesso ai contenuti del weblog sia un bene, ed i feed lo sono senza dubbio.
      Per inciso, un blog senza feed io ormai non lo leggo piu’, non perche’ sia un puzzone ma perche’ non ho tempo di seguirlo.
      Se un accesso volesse dire una persona che ha prestato attenzione al post, gli accessi sarebbero fondamentali, pero’ mi sembra non funzioni cosi’.
      Anche io ho il mio shinystat, ma e’ una misura spannometrica.
      Gli accessi sono quanta gente entra in una casa con le porte aperte, mentre commenti, trackback e link sono per me piu’ utili perche’ mi dicono quanto la gente ha voglia di fermarsi dalle mie parti a parlare o ad ascoltare, che e’ la cosa che mi interessa.
      LastButNotLeast, se il tuo sito ha statistiche approfondite vedi anche quante gente legge il tuo feed e puoi fare una stima qualitativa del lettori.

    6. b.georg Says:

      azz, ora che ho messo quelli di blogitalia non vanno manco quelli. non sarà che porto sfiga? cmq, io metto i feed perché c’è gente che legge i blog attraverso i feed, e non vorrei che perdesse le mie immortali riflessioni (c’è dell’ironia, non so se si coglie). i feed sono utilissimi per chi vuole avere accesso rapidamente a molte fonti (a costoro, suggerisco di passare a mozilla firefox, con lettore di feed integrato al browser, molto comodo). io però continuo a considerare la mia navigazione una lieta perdita di tempo, quindi, pur non consigliandolo a nessuno, lo ammetto pubblicamente, leggo i blog quasi solo dal browser (pur avendo un centinaio e passa di feed su firefox, che non guardo quasi mai, ché mi danno l’ansia). Al momento, stante l’immaturità della tecnologia – i feed alludono al web semantico, ma non lo vedono nemmeno col canocchiale – la perdita di performance è solo quantitativa, quindi per me accettabile e ricompensata dal piacere dell’ozio e della deriva (mi perdo delle cose, ma chi non si perde qualcosa?). Quando diverrà anche qualitativa (mi perdo una modalità diversa di approccio agli oggetti) mi adeguerò benvolentieri.

    Leave a Reply