< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/06/2004

    Lavori in corso

    Filed under: — JE6 @ 09:30

    Forse perchè sono ancora – per disgrazia o per fortuna, non so – molto lontano dall’età pensionabile, non sono un grande appassionato di cantieri. Non mi diverto a passare il tempo guardando ruspe, gru e muratori con l’elmetto giallo, non più di quanto mi diverto a guardare un qualsiasi programma di Maria De Filippi, per intenderci.
    Ma il destino cinico e baro ha deciso che la strada che faccio ogni mattina per andare in ufficio deve passare in mezzo a due cantieri, di cui uno si dice sia tra i più grandi attualmente esistenti in Europa: già, si sta costruendo il NPF, aka Nuovo Polo Fieristico di Milano.
    I fermi macchina dovuti alle code, tipiche della Statale del Sempione a qualunque ora del giorno e della notte, consentono di osservare questo gigantesco formicaio con la dovuta attenzione. Questa mattina ho potuto leggere ogni particolare della cartellonistica ANAS, ente noto più per il suo tasso di corruzione che per la sua efficienza, ed ho appreso che la data di consegna di una delle (poche) nuove strade di accesso al NPF è (era) il 20 aprile 2004, a conclusione di un periodo di lavori stimato in 280 giorni.
    ça va sans dire, della strada non v’è traccia alcuna, il che fa presumere un altro paio d’anni di cantiere ANAS per avere in dono un nastro di asfalto che partirà dal nulla ed arriverà nel nulla, come Malpensa insegna. Davanti all’entrata principale del cantiere del NPF campeggia un display che mostra il numero di giorni mancante all’apertura della Fiera: circa 280, per uno dei casi della vita. Insomma, mi attende un lustro di code, polvere, gru, elmetti gialli che attraversano la Statale senza curarsi di nulla. Devo cambiare lavoro, su questo non c’è dubbio.

    Leave a Reply