< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/06/2004

    Tutti insieme. Appassionatamente?

    Filed under: — JE6 @ 15:08

    Adesso sembra che l’unica possibilità di vittoria di quello schieramento che sta a sinistra dell’UDC (e non chiedetemi di definirlo, chè puntini, virgolette, parentesi e finanche punti di domanda si sprecherebbero) sia il cosiddetto “Metodo Cofferati”: ergo, qualunque partito o movimento da Rifondazione fino al centro moderato, più le associazioni della cosiddetta società civile.
    Mah. Io non sono un esperto, benchè un po’ di teoria della politica (e della sua comunicazione) l’abbia studiata. Ciò nonostante, non credo si debba essere degli esperti per capire che questa gioiosa ammucchiata può – forse – nascere e restare in piedi in una realtà locale, dove i problemi che si affrontano si chiamano traffico, inquinamento, scuole materne, trasporti pubblici, mentre è molto, molto più difficile farla funzionare a livello nazionale, dove invece si decide di politica economica, di politica estera e bazzeccole del genere.
    Si provi Cofferati a far andare d’accordo lo chiccoso Bertinotti e il sapido Mastella, per tacer di Rutelli, Fassino e Boselli: come se non ne avessimo avuto sufficienti prove, durante questi anni. Lo dico da elettore dell’Ulivo: io, piuttosto che appoggiare le mille puttanate del rifondarolo-chic, mi astengo; perchè, tra le puttanate sue e quelle del PresConsMin, non vedo differenza alcuna: sempre puttanate sono.

    6 Responses to “Tutti insieme. Appassionatamente?”

    1. FranCiskje Says:

      E non solo: penso che la complicatezza di alcuni problemi italiani abbia un solo modo per essere risolta, che i miracoli non li fa nessuno e che alcune scelte sono diventate obbligate per chiunque abbia l’incarico di governare. Poi ci sono i doverosi distinguo sulle persone e le cose che anche da italiani ci vorremmo evitare.

    2. MassimoSdC Says:

      Letto, in larga parte sottoscritto e comunque condivisa, evidenziata e sottolineata la conclusione (“sempre puttanate sono”). Fatto sta che questa non è una novità (nemmeno se la ripete Sartori) e, soprattutto, non è LA novità (che questo invece mi aspetterei dai “politologi”). Ma questa è altra storia, che spero di poter proporre presto.

    3. Squonk Says:

      Ma infatti, nessuna novità: è proprio questa la faccenda scorante.

    4. marco Says:

      Squonk, il problema è che se non piacciono le puttanate del signore in velluto, e a me di solito non piacciono anche se spesso non le considero puttatate tout court ma sfiotti di ego, bisogna (elettoralmente) caricarsi sul groppone quelle di qualcuno che attualmente sta dall’altra parte.
      Dalla padella alla brace, mi sembra.

    5. b.georg Says:

      “continuiamo così, facciamoci del male” (citazione)

    6. jorma Says:

      Prodi alla meta

    Leave a Reply