< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • October 2004
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/10/2004

    Greetings from New Orleans: 2 – Safety first

    Filed under: — JE6 @ 22:18

    Passo davanti al Lousiana Superdome. Tra un paio d’ore giocheranno due squadre universitarie di football. Migliaia di spettatori, tutti neri. Tutti belli, allegri, tutti con un bicchiere in mano, tutti con la maglia della loro squadra. Moltissime donne, tanti bambini, un buon numero di anziani (il piu’ bello e’ una specie di patriarca vestito di blu e giallo – Southern University Tigers – che guida la famiglia camminando dentro ad un paio di stivali di pelle di coccodrillo; d’altra parte, questa e’ Gator Land).
    Polizia, zero. Qui, come nel resto della citta’, che gira trascinando i passi come trascina le parole di questa specie di inglese che faccio una fatica maledetta a capire. Mi viene in mente Times Square, a New York, dove, ad ogni ora del giorno e della notte, si legge il display con l’indicazione del National Security Alarm: il giallo se lo sono scordato, l’arancione e’ la regola, quando si passa al rosso la citta’ va in fibrillazione. Qui niente di tutto questo, dell’11 settembre non c’e’ quasi traccia.
    Guardo il fiume di tifosi in attesa della partita, quelli che tra un’ora si alzeranno a cantare l’inno con la mano sul cuore. Poi mi cade l’occhio su un cartello. E’ proibito portare dentro lo stadio lattine, bottiglie, armi, missili, fuochi d’artificio…

    3 Responses to “Greetings from New Orleans: 2 – Safety first”

    1. lester Says:

      Era rocket, suppongo. Perché se era missile c’è veramente da perplimersi…

    2. Effe Says:

      niente sulle testate nucleari?

    3. Squonk Says:

      Lester, era proprio “missiles”.

    Leave a Reply