< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • April 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/04/2005

    Il costo della vita

    Filed under: — JE6 @ 11:29

    Marito e moglie, seduti davanti ad un rifugio alpino sopra Santa Caterina Valfurva.
    Il marito estrae il portafogli dallo zaino, prende una banconota e la allunga alla moglie.
    Questa guarda il foglietto di carta colorata, scuote la testa e si mette a ridere: “Una birra e un tè, cinque euro? Tira fuori dieci, dai“.

    Continuiamo a interrompere le trasmissioni

    Filed under: — JE6 @ 10:19

    Io non sono nè ateo nè agnostico. Sono un cristiano come tanti: quindi, un po’ all’acqua di rose.
    Fatta questa premessa, trovo persino imbarazzante la quantità di spazio che i mass media stanno dedicando alla morte del Papa; perchè – senza negare l’importanza dell’avvenimento, il rilievo della persona e anche la storia patria – pare che vi sia un unico argomento del quale si possa parlare. E, insomma, non è proprio così. Credo che un simile comportamento si potrebbe verificare solo nelle teocrazie dichiarate: chessò, in Iran. Ma noi, viviamo in una teocrazia?

    Per non parlare della fenomenale buffonata organizzata dal CONI: il blocco delle attività sportive sull’intero territorio nazionale. Voi ricordate qualcosa del genere, quando lo tsunami uccise duecentosettantamila persone? Allora è bastato organizzare una colletta via sms.