< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • April 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/04/2005

    Toccare con mano

    Filed under: — JE6 @ 12:50

    Leggo, nei commenti a questo post di Shangri-La che parla del modo in cui alcuni (quorum ego, direi) hanno commentato le emozioni seguite alla morte del Papa, queste due frasi: che senso ha parlare in questi termini di un’esperienza che va vissuta per essere compresa? (Boscimane) – si parli dopo aver esperito, da vicino o da distante (Shangri).
    Quasi in contemporanea, nei commenti ad un post dove il titolare, qui, mostrava segni di alterazione nei confronti delle curve ultrà degli stadi nostrani, Dado prima scrive per capire almeno un po’ ci vuole partecipazione, e poi ribadisce no il calcio non è di tutti, troppo comodo… il calcio è di chi lo vive, chi lo sente e chi ne prende parte attivamente.
    Non so. A pelle, anch’io direi che è bene conoscere prima di esprimere un’opinione, a maggior ragione in un’epoca nella quale tutti parliamo di tutto, sempre e comunque. Ma mi pare che qui si voglia fare (e far fare) un altro passo: si sa solo ciò che si è vissuto. Si conosce solo ciò che si è toccato con mano. Ripeto, non so. Ma questo mi pare, come dire, un po’ troppo.

    Cammino, guardo cose

    Filed under: — JE6 @ 11:28

    Spettacolare post (scritto in trasferta) del Vanz, nel quale si spiega il maschio alla femmina (e non anche viceversa, chè l’autore è consapevole dei propri limiti).
    MicroBlogGiallo