< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Gabo, e mio papà
  • “Vero?”
  • Madeleine
  • Scommesse, vent’anni dopo
  • “State andando in un bel posto, credimi”
  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • April 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    07/04/2005

    The Lord of the (no) Ring

    Filed under: — JE6 @ 10:59

    Io ho visto, con i miei occhi, maggiorenti della blogosfera – nonchè del sistema economico nazionale – dimenticare il cellulare a casa e affrontare la giornata di lavoro con la serenità di un neonato.
    Oggi ho compiuto la stessa nefanda azione, e sono in uno stato di agitazione che mi rende un diapason umano.

    20 Responses to “The Lord of the (no) Ring”

    1. dado Says:

      lo vede che il signor brodo è magister vitae?
      cmq è solo il nervosismo della prima volta, si fidi da domani lo dimenticherà “accidentalmente” sempre più spesso….

      al limite prenda due gocce di valium sotto la lingua.

    2. marco Says:

      Stiamo parlando del cellulare lavorativo o di quello privato ?
      Peraltro qui ho ne’ l’uno ne’ l’altro, quindi per me non fa differenza.

    3. Zu Says:

      Temi che qualcuno possa leggere gli sms che arriveranno durante la tua assenza?

    4. DElyMyth Says:

      Ecco, penso che nella stessa situazione starei male uguale… 🙁

    5. Squonk Says:

      Dado: il Dottor Brodo sarebbe stato vittima di un infarto se la cosa si fosse ripetuta. Ma lui rimane magister vitae anyway.
      Marco: il cellulare è unico; doppio problema, quindi.
      Zu: perfido. Ma sei fuori strada.
      DEly: grazie per la comprensione.

    6. marco Says:

      Famme capi’ (scusate, su queste cose sono tonto):
      Esiste un modo per avere due sim attive sullo stesso apparecchio o hai lo stesso numero per il lavoro e per il tuo telefono (scarto l’ipotesi che tu faccia il disk jockey con le sim ogni 5 minuti) ?
      Se e’ vera la prima, che sfiga. Se e’ vera la seconda, perche’ ?

    7. sphera Says:

      Pensi se il cellulare l’avesse con sé e nessuno l’avesse chiamata, cercata, smssata. Pensi che tristezza. Meglio così.

    8. Lotrovassi Says:

      Inconsciamente, oggi lei voleva essere irrintracciabile, dica la verità.

    9. Effe Says:

      quanto mi dà se glielo resituisco?

    10. Squonk Says:

      Marco: buona la seconda. Un numero per tutti, e stop. Molto, molto più comodo.
      Madame: nessuna tristezza, solo un sospiro di sollievo.
      Lot: difatti, tengo un blog e svariate caselle di posta.
      Herr: lei mi ha già rubato il portafogli, veda di smetterla.
      Per tutti: sono affranto. Un così bel titolo, e nessuno che mi fa i complimenti. Gentaglia.

    11. sphera Says:

      I complimenti glieli avevo mandati per sms.

    12. Viridian Says:

      Sa che ha scelto proprio un bel titolo?

    13. Squonk Says:

      Vi, lei ha vinto un accompagnatore ad un aperitivo.

    14. Carlo Says:

      In verità quando scordo il cellulare a casa non sono affatto tranquillo, anzi. Sono arrivato al punto di tornare a casa, attraversando mezza città, per riprenderlo.

    15. Barbara Says:

      Se lo dimentico e non me ne accorgo ok .
      Se lo dimentico e me ne accorgo in tempo per
      tornare a prenderlo torno senno ANSIA!!!
      ( e che mi dovranno mai dire ??!! )

    16. Viridian Says:

      La ringrazio, lei e i presenti, e invero la compagnia è stata ottima.

    17. Lotrovassi Says:

      Presente ! (grazie)

    18. marco Says:

      Scusi Squonk se continuo, ma la cosa mi incuriosisce.
      Non capisco il ‘molto piu’ comodo’, non fosse altro che ti fa diventare cellulare-dipendente e crea una sovrapposizione insana tra lavoro e vita privata, per cui sei disponibile per chiamate lavorative 24/7, manco fossimo tutti cardiochirurghi.
      Sara’ che vivo da quattro anni senza telefono cellulare (e conto di continuare a farlo piu’ che posso anche una volta tornato in Italia) ma questa pervasivita’ dell’oggetto squillante mi sembra pesantissima e meno necessaria di quanto sembrerebbe a prima vista.

    19. Squonk Says:

      Guardi, è molto semplice. Il telefono mi serve; per lavoro e per la vita privata. E’ un aggeggio utile, del quale riesco – per fortuna – a non essere ancora schiavo. La mia reperibilità la decido io, e non è mai 24/7. Ne uso uno solo perchè non vedo il motivo di averne due: un numero basta e avanza, sia che mi chiami un amico, sia che mi chiami un cliente: anzi, se qualcuno mi spiega perchè si dovrebbe possedere un cellulare “business” ed uno “family”, mi farebbe una cortesia (PS – Tra i non molti fringe benefits di cui godo, c’è l’utilizzo a scopo privato del cellulare; forse questo serve da spiegazione).

    20. pm10 Says:

      Squonk: abbiamo lo stesso scarso numero di fringe benefits. ergo un solo telefono, io me lo dimentico , in genere sul comodino, dove mi fa da sveglia, all’incirca ogni mese e mezzo. una volta mia mamma si fece scrupolo e me lo mando’ con un pony express – da fuori milano, costò un botto….. e sinceramente non ricordo nemmeno il perche’ di azione tanto dissennata da parte sua. ho assunto un atteggiamento fatalista, se lo dimentico amen. se sono in ufficio i miei clienti mi possono mandare mail o chiamarmi al fisso. cioe’ che ne risente sul serio e’ la vita privata… cioe’ se a nessuno viene in mente di mandarmi una mail aspettera’ quelle tot ore prima di essere ricontattato…..

    Leave a Reply