< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • June 2005
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/06/2005

    Diritti, doveri, varie ed eventuali

    Filed under: — JE6 @ 13:09

    Poco tempo, oggi. Ma, per fortuna, c’è chi ha già scritto, e bene.

    Io ho votato, come faccio sempre. Voto per rispetto di quegli anziani che domenica mattina erano al seggio con me, quelli che dicevano “io me lo ricordo com’era quando non si poteva”, voto per rispetto di tutti quelli che ancora oggi non possono farlo. Per questo la prossima volta che vedrò qualcuno di questi politici che si stanno congratulando con l’alto senso di responsabilità civile di chi si è astenuto, cercare di vendermi ancora la favoletta dell’esportazione di democrazia o inalberarsi per quegli “stati canaglia” che non hanno ancora lo strumento del voto, o commuoversi per le “libere” elezioni in Iraq, ecco, io chiedo che per decreto legge mi sia concesso di sputargli in un occhio. Detto questo, eravate liberi di astenervi e l’avete fatto, avete vinto, stravinto anzi. Ho come l’impressione che nei prossimi giorni il vostro non-voto sarà parecchio strumentalizzato, ma l’avete scelto, quindi affari vostri. Personalmente io sono piuttosto orgogliosa di quel timbro sulla tessera elettorale, sapevo di perdere ma ho giocato. (Patrizia)

    L’astensione è un diritto, d’accordo. E i diritti di chi vota, di quelli vogliamo finalmente parlare? Il diritto all’inazione viene riconosciuto e difeso a spada tratta: perché quello all’azione deve essere sotteso al primo? Eliminiamo il quorum, dopodiché ognuno si faccia un po’ i diritti suoi. (Fainberg)

    Brodoprimordiale

    6 Responses to “Diritti, doveri, varie ed eventuali”

    1. Effe Says:

      e a dirlo sono donne.
      Ma dobbiamo sempre farci spiegare tutto, proprio, noialtri omuncoli

    2. sphera Says:

      E poi mi chiedo: se per ipotesi invece che per abrogarli, quegli articoli, si fosse votato per introdurli non sarebbe stata spinta e propagandata l’equazione “chi non va alle urne è un assassino di bambini”?
      Quindi l’astensione è un diritto – un dovere in certi casi – ma.
      Ma ti dico io quando, ok?

    3. Dust Says:

      può essere istruttivo riflettere su quel che accadde tanto, tanto tempo fa in un paese di là dalle nuvole, a Fantalia

    4. PlacidaSignora Says:

      Per lavoro frequento molto il ticino, in cui si referenda serenamente persino sui colori delle panchine pubbliche. Là non esiste il quorum per gli abrogativi. E quindi non posso che essere d’accordo con ciò che dice lui: http://www.gaspartorriero.it/HTML/blogarchive/2005_06_12_archive.html#111866679402401383

    5. lester Says:

      Tutto vero, ma arriva con una decina d’anni di ritardo. Non ricordo molta gente che si indignava quando non si raggiungeva il quorum sull’abolizione dell’ordine dei giornalisti, o delle trattenute sindacali. Lecito che delle trattenute sindacali non importasse niente a nessuno, ma se si lascia che la scorciatoia dell’astensione diventi una prassi consolidata, l’istituto del referendum è morto: un po’tardi lamentarsi perché quando servirebbe a me non schizza fuori dalla tomba.

    6. Carlo Says:

      Hai ragione lester. Anche io ho avuto molti dubbi sul referendum (non nel senso che fosse giusto – su quello non ho mai avuto dubbi – ma sulla sua opportunità tattica). Forse è stato un autogol, sarebbe stato meglio sollevare la questione di legittimità costituzionale e aspettare che la Corte Costituzionale cassasse le parti della legge in palese contrasto con una serie di principi fondamentali del nostro ordinamento, oppure aspettare le prossime elezioni e tentare di emendarla con una maggioranza diversa. In ogni caso, se non si mette mano a modifiche, l’istituto del referendum è ormai inservibile, morto.

    Leave a Reply