< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • December 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/12/2005

    Dai libri alle celle

    Filed under: — JE6 @ 10:40

    Io ho un bel ricordo dei miei anni da bocconiano. Non solo per la vita universitaria in sè – gli amici, il biliardo, una spruzzata di goliardia – ma anche per ciò che studiavo. Mi piaceva sul serio, l’economia. Soprattutto, mi affascinava confrontare le diverse teorie economiche e i diversi modelli di mercato perchè mi pareva che questo comportasse confrontare diverse visioni del mondo, e quindi delle persone. Perchè, in fondo, la vera differenza tra il modello del mercato monopolistico o oligopolistico e quello della concorrenza perfetta non sta nelle forme delle curve tra ordinate e ascisse, ma nella diversa concezione che si ha del mondo e di chi lo popola. E lo stesso si può dire per l’etica protestante del capitalismo, o per la trickle down economy, e via dicendo.
    Anche le teorie più bizzarre mi sembravano nascere – beata ingenuità – da un visione del mondo magari sbagliata, ma quantomeno onesta. E quindi, meritevole di attenzione.
    Ma, volenti o nolenti, si cresce (si invecchia). E si passa dalla lettura dei testi di macroeconomia a quella dei giornali: così, ci si trova a dover sostituire Weber, Marx, Dornbusch e Laffer con Cragnotti, Tanzi, Fiorani e Consorte. E’ la vita, e forse è l’economia.
    Repubblica.it

    PS – Lo so, bisognerebbe fare distinzione tra economia e finanza, laddove possibile. Ma credo che ci siamo capiti.