< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • January 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/01/2006

    The Family Man

    Filed under: — JE6 @ 16:36

    O perbacco, qui mi crolla il mito della felicità e della spensieratezza del single. Ma tu guarda che sorpresa (sono prevenuto, lo so, ma la retorica celebrativa della singletudine e quella spregiativa del matrimonio mi sono davvero insopportabili).
    Corriere.it

    5 Responses to “The Family Man”

    1. 003 Says:

      in effetti, il quadro è abbastanza desolante, anche se facilmente prevedibile. non sono una sostenitrice del matrimonio ma non sono single. sto nel limbo, insomma, a metà. in una convivenza che considero un ottimo rodaggio per due persone che devono imparare prima di tutto a essere adulte e indipendenti di per sè, e poi a farlo insieme. io penso che la condizione di single nella maggior parte dei casi non sia una scelta, anche se sbandierata come tale. non ci credo a quelli che a costi quel che costi preferirebbero comunque e sempre addormentarsi e svegliarsi soli, senza una mano da stringere.

    2. fede Says:

      essere single fa tendenzialmente schifo. ma fa ancora più schifo, per un single, leggere gli articoli sui single. che, immancabilmente appaiono con cadenza settimanale su repubblica e corriere (considero la pagina di costume di repubblica il punto più basso del giornalismo umano, quello che per ogni cosa c’è un decalogo… come essere felici? l’esperto consiglia 1) respira 2) dormi 3) mangia 4) bevi 5) scopa etc. etc.). come diceva quello “è stato bellissimo… adoro essere ridotto a uno stereotipo culturale…” saluti

    3. Carlo Says:

      In effetti potrebbero prendersi un cane, no?

    4. sphera Says:

      O accordarsi col single dell’appartamento a fianco. Una sera da me, una da te, una di libertà: equamente ripartiti pulizie, spese e ingombro degli spazi vitali, ben equilibrati mani da stringere all’addormentamento e placidi risvegli senza ansie da prestazione, armonioso bilanciamento tra “amami” e “non starmi addosso”.

    5. Cabiria Says:

      Vabbè, capito. Essere single per me era una merda. E non ero povera. E non ero sola. Ma il matrimonio é stato una rivelazione, perchè la mia voglia di stare per conto mio ne ha sposata un’altra. Nessuno mi sta addosso, ma non ho più paura di nulla. Di tutti gli ex-amanti quasi non mi ricordo le facce. E sui miei libri c’è ancora il mio nome. Se penso alla cautela con cui ho affrontato tutto questo sorrido, e invece è stato così facile, così naturale. Probabimente anche nella mia vita è stata la cosa migliore…

    Leave a Reply