< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • January 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/01/2006

    Peaches and Diesel

    Filed under: — JE6 @ 12:05

    Ho sempre provato compassione mista a divertimento, nel leggere i nomi di certi attori o giocatori di basket americani (per tacere dei nobili più o meno decaduti del Belpaese): DelRoy, LeBron, cose così.
    Ma di fronte a Peaches Peaches Honeyblossom Michelle Charlotte Angel Vanessa, Fifi Trixabelle, Heavenly Hiraani Tiger Lilly e Kal-el ho capito che l’abisso si è già aperto, che ci sono genitori i quali, al momento di battezzare i figli, ricorrono ad un qualche generatore di nomi stronzi (vantandosene, probabilmente) e che la battaglia della signorina Peaches Geldof va sostenuta come quella di una novella Jeanne d’Arc, nel nome – appunto – di tutti i Jack Smith e i Mario Rossi della terra.
    Corriere.it

    8 Responses to “Peaches and Diesel”

    1. sphera Says:

      Certo che anche i suoi genitori, mio caro, quando l’hanno chiamata Squonk…

    2. Squonk Says:

      Non faccia la spiritosa, lei. Nella realtà ho un brutto nome, ma non così brutto.

    3. Effe Says:

      quale realtà, scusi?
      Ma allora, qui dove siamo?

    4. severine Says:

      Ha dimenticato Apple. Non è mica pubblicità, sa?

    5. anonimo Says:

      Potremmo ricordare il caso del ragazzo che si chiamava Silvio Bucodelculo e che pretese di cambiare nome, considerando questo ridicolo e vergognoso. Quando gli chiesero quale nuovo nome avesse scelto rispose: Giuseppe Bucodelculo.

      Vecchia? Certo, è mooooolto vecchia. Però qualcuno potrebbe non essere informato e, parlando di nomi ridicoli o divenuti tali, mi sembra una buona occasione per inserire la storiella nei commenti.

    6. Ja Says:

      Faccio umilmente notare che di Peaches tra i nomi della fanciulla – piuttosto carina, me lo lasci dire – ve n’e’ uno solo, e che il Corriere ha dimenticato una sorella minore: Pixie Frou-Frou.

      Il corriere s’e’ ormai repubblichizzato al 100%..

    7. Squonk Says:

      Ma maledizione, nessuno che apprezzi la citazione del titolo.

    8. severine Says:

      No, Sir, è perché c’è il fermo dei veicoli inquinanti.

    Leave a Reply