< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • January 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/01/2006

    Andere Destination

    Filed under: — JE6 @ 09:04

    In Alto Adige, per la precisione a Merano, ho trascorso undici mesi della mia vita, ai tempi nei quali i giovani virgulti del Paese prestavano servizio militare nell’esercito della Repubblica.
    Depurando la valutazione dalla nostalgia per la gioventù e dai brividi causati dal freddo notturno, questa richiesta fatta al governo austriaco da 113 sindaci della provincia di Bolzano non mi sorprende per nulla.
    Nel 1990, la televisione del corpo di guardia del Terzo Gruppo Squadroni “Savoia Cavalleria” era sintonizzata su due canali: la ZDF tedesca e la ORT austriaca. Gli indigeni, in massima parte, leggevano un foglio di nome “Dolomiten”, scritto in tedesco con la testata in caratteri gotici. Avevo un compagno di stanza, lontano parente di un famoso sciatore, che non parlava l’italiano – e lo capiva pochissimo. Nella piazzetta di Schenna, pochi chilometri sopra Merano, una cassetta della posta era stata dedicata, mediante l’apposizione di lettere adesive, alla corrispondenza verso Deutschland; e quella a fianco, invece, alla corrispondenza verso Andere Destination. A Lana, amena località della Val Venosta, un buon numero di bar non serviva chi si fosse azzardato a fare ordinazioni in lingua italiana. Ai tempi, le targhe avevano ancora la sigla della provincia: e tutto ciò che non era BZ era Italia. Insomma, niente di nuovo sotto il sole.

    3 Responses to “Andere Destination”

    1. manuel calavera Says:

      vorrei aggiungere qualche precisazione perché ritengo che il tuo post si presti ad interpretazioni molto diverse fra loro e non pretendo di giudicarne il senso a priori.
      se si vuole valutare il gesto di quei sindaci – a cui corrispondono speculari iniziative in territorio austriaco – non vale la pena soffermarsi più di tanto: se interpretano il pensiero della popolazione di lingua tedesca, è cmq espressione di un’opinione di minoranza: l’autonomia della provincia di bolzano ha stabilito condizioni troppo vantaggiose per essere barattate con istanze nazionalistiche. è noto che questi argomenti, fini a se stessi, sono utili solo in campagna elettorale.
      l’austria ha già svolto, ed esaurito, la sua funzione di tutore del sudtirolo presso l’onu: secondo gli accordi contenuti dal pacchetto moro (1966), l’austria avrebbe atteso il varo dell’ultima norma di attuazione per firmare la ‘quietanza liberatoria’. purtroppo questo è avvenuto soltanto nel 1992, ma da allora la questione è chiusa. chiusa senza appello, il che significa che le iniziative di sindaci o chiunque altro non avranno alcun seguito sul piano internazionale.
      quanto all’esperienza da te descritta, è indubbia. il punto è: che problema c’è? la costituzione prevede:

      Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

      Art. 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
      È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoii di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la liberta e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

      Art. 6. La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.

      semmai, ciò che non è nuovo sotto il sole e che era un problema (sono passati 50 anni ed i danni irreparabili sono già avvenuti) è la mancata applicazione della costituzione – naturalmente in modi differenti per addattarsi ai diversi contesti e alla differente consistenza numerica – a difesa di altre minoranza linguistiche (occitane, ladine, slovene, etc.).

      ripeto che la mia non è una polemica. mi hai solo offerto lo spunto per affrontare un argomento sconosciuto o trattato con molta superficialità.

    2. Squonk Says:

      La faccio un po’ più semplice. L’Alto Adige è un esempio macroscopico di paraculismo e ipocrisia. Migliaia di persone che non si sentono italiane (e, diciamolo: non lo sono) ma che non lascerebbero mai l’Italia e i suoi soldi. Infatti, i centotredici mattacchioni mica chiedono l’annessione all’Austria. Fanno una gran tristezza, anche se hanno i gerani fioriti dodici mesi su dodici.

    3. manuel calavera Says:

      a dire il vero, i soldi non arrivano dall’italia ma restano in loco: status vantaggioso di cui godono sia gli italiani sia la popolazione germanofona, come pure le comunità di lingua ladina. i 113 mattacchioni, come molti altri cretini o esagitati dai ruoli differenti, costituiscono un fenomeno assimilabile a molti altri diffusi nella nostra penisola: dai chi vorrebbe una trieste asburgica ed erige statue all’imperatrice sissi ad un gentilini che sparla di celti, dio po e razza padana.
      un megafono in mano non impedisce di dire cazzate.

    Leave a Reply