< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • April 2009
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/04/2009

    Shalom

    Filed under: — JE6 @ 16:17

    Ci sono zone di Milano nella quali non metto piede praticamente mai. In Viale San Gimignano ero stato una volta sola, più di dieci anni fa, e per non più di un minuto – il tempo necessario per far salire in macchina il mio direttore commerciale dell’epoca e poi ripartire verso la Toscana. Poi, per un motivo molto banale (il rifacimento degli occhiali della Persona Corta) ci sono passato due volte in una settimana, ho fatto quattro passi per andare a bere un caffè, e in macchina ho girato un po’ le vie limitrofe alla ricerca di parcheggio. Scoprendo che quella è una zona a forte concentrazione ebraica, c’è la sinagoga in Via Montecuccoli (circondata da carabinieri accigliati), ci sono le librerie con la stella di David nell’insegna e i ristoranti kosher, ci sono i maschi di ogni età che girano con la kippah calcata sulla nuca. Ho pensato che è strano rimanerne colpito, visto che non mi accade quando giro in zona Buenos Aires in mezzo a centinaia di locali di e per mussulmani – macellerie, phone center, negozi di ammennicoli, zucchetti per gli uomini e veli per le donne. Non so, non trovo nessuna morale in questa piccola storia, se non quella che si può fare un lungo viaggio anche a un solo quarto d’ora di distanza dalla propria casa.