< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/02/2010

    Sono solo canzonette

    Filed under: — JE6 @ 11:13

    Tutto sommato, e premesso che si sguazza nel vasto mare della chiacchiera da barbiere del sabato mattina, a me che uno che reputo intelligente come Ivano Fossati infili una sequenza di sciocchezze come quella riportata da Luca un po’ mi intristisce (la capacità e sensibilità artistica come giustificativi dell’incapacità di non dare inutilmente aria ai denti, la sopravvalutazione di un cantante eletto al ruolo di maestro – buono per alcuni e cattivo per altri -, la bizzarra idea che un festival canoro possa essere luogo pedagogico, cose così). D’altra parte, si sa che nessuno è perfetto.
    Wittgenstein

    Far morire le piante

    Filed under: — JE6 @ 09:03

    Lapiccolacuoca, su FF: “mi dovrei rimettere sotto e scrivere sul blog dippiu’. mi sento come avessi abbandonato un’amata pianta per un viaggio, breve eh. e me la ritrovo rinsecchita con un solo germoglio. son cose che proprio non faccio. far morire le piante intendo.