< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • October 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/10/2010

    Greetings from San Francisco – The Poetry Room (reprise)

    Filed under: — JE6 @ 23:50

    Ripensandoci, in fondo non so perché ogni volta che vengo a San Francisco mi percorro Columbus Avenue per entrare qui, alla City Lights Booksellers and Publishers. Non lo so, perché questa è la libreria di Ferlinghetti e Kerouac e Ginsberg e tutto il resto della truppa beat, e a me “Sulla strada”con tutta la sua insopportabile retorica  ha annoiato anche quando avevo vent’anni, e figurarsi adesso, e non sono nemmeno tanto amante della poesia – e la parte più bella di questo posto è (era, prima che qualcuno decidesse di spogliarla per fare le pulizie di primavera) la Poetry Room. Forse ci vengo con lo spirito con cui io, che in effetti non sono mai stato comunista, al checkpoint Charlie mi sono messo a cercare orologi sovietici con le lancette a forma di falce e martello. Il rapporto con i simboli non è una cosa facile da gestire, nei posti a volte ci si va come in pellegrinaggio, per vedere, per annusare l’aria, come un ateo che entra in una cattedrale e rimane a guardare le bellezze artistiche che celebrano qualcosa o qualcuno nel quale lui non crede. Ecco, forse qui è così, ci vengo per le sedie di legno, per il cartello Have a seat and read a book, per le foto di Dylan ai muri, per cose così – e pensandoci capisco il fascino che esercita Cuba, per dire.

    One Response to “Greetings from San Francisco – The Poetry Room (reprise)”

    1. Luigi Says:

      Anche a me Sulla strada non è piaciuto tantissimo, avevo paura di dirlo, pensavo di essere l’unico.

    Leave a Reply