< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • October 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/10/2010

    Listen deeply, tell stories

    Filed under: — JE6 @ 14:34

    A stare in rete si legge tanto. Si legge anche per interposta persona, per così dire: si leggono le cose che leggono gli altri – libri, articoli, riviste, blog. Ci si fa un’idea del mondo (anche) attraverso le sue letture, leggendone le note a margine (da questo punto di vista, Tumblr è una vera miniera: perché non sono le trecento pagine più titolo e copertina di un libro a dire chi sei, questo lo fanno le quarantasei parole che ne estrai, che ti sono rimaste in testa, che decidi di condividere col mondo).
    Ora, io non so bene come esprimerla questa cosa che mi gira in testa, perché anche se scrivo da una vita scrittore non sono di sicuro: ma ci provo lo stesso. Mettiamola così, vedo in giro una spaventevole attrazione per lo stereotipo di bassa lega. Il quarantenne tormentato, il rivoluzionario in cachemire, il giovane che vuole partire, l’amore sofferto, la frase fatta che suona tanto bene alla “let’s make better mistakes tomorrow”, una specie di mix tra Paulo Coelho, il fratello minore di Rudyard Kipling, Federico Moccia e la brutta copia di Bukowski – quella che alla seconda Menabrea pensa che sia meglio andare a letto, ché altrimenti chi si alza domani per essere in ufficio alle nove.
    Naturalmente, se il problema fosse ciò che la gggente legge, beh: non sarebbe un problema. Ognuno si fa del male come meglio crede, diciamo, e nessuno costringe nessuno a leggere tomi, articolesse o citazioni più o meno profonde e felici. No, il punto è un altro. E’ che quel che si legge poi lo si scrive, è dalla lettura che viene la scrittura; e non so, a costo di passare per la millemillesima volta per l’anziano insofferente legato a vecchi schemi e ricordi polverosi, ma a me pare che la rete, luogo di parole più della biblioteca di Alessandria, ci stia arricchendo e migliorando molto poco (uso apposta la prima singolare, perché non ho nessuna intenzione di puntare il dito contro altri standomene comodamente seduto sul mio amato divano mentre guardo ESPN America): anzi. Ho la sensazione che, almeno nel microcosmo che frequento e/o che mi viene fatto frequentare, quello nel quale “C’è così tanta gente che scrive, ormai, che non sono mica sicuro che ce ne sia altrettanta che legge“, aleggi una specie di rachitismo virale, qualcosa che, quando ci mettiamo alla tastiera davanti allo schermo vuoto ci impedisce di mettere in piedi una Storia che stia in piedi, e che lo faccia da sola. Ho la sensazione che manchi il respiro e la forza di un romanzo, di un racconto lungo, anche di uno breve ma di quelli come dio comanda. Ho la sensazione che proprio non ce la facciamo, noi scribi della rete, e mi chiedo se tanta fascinazione per la scrittura collettiva non venga proprio da questa consapevolezza, oltre che dal gusto di fare cose belle insieme ad amici e conoscenti. So benissimo che la Morte del Romanzo è stata decretata già da parecchio tempo, e non ho intenzione di lottare contro i mulini a vento: sono troppo pigro per farlo, e non ho né un Ronzinante né un Sancho Panza a disposizione. Mi chiedo solo, da vecchio lettore con la passione per la scrittura, se il quarto d’ora di celebrità al quale tutti o quasi ambiamo non sia esattamente ciò che ci meritiamo: un quarto d’ora, ché già mezza sarebbe un premio esagerato.

    9 Responses to “Listen deeply, tell stories”

    1. Auro Says:

      Sono d’accordo su tutto. E’ un pezzetto di quello che io chiamai, ma senza riuscire a spiegarlo, step back. E che ti fece incazzare assai.

    2. Sir Squonk Says:

      Quello step back era ben più ampio, o meglio era (è) figlio di molti altri motivi. Ma capisco.

    3. Auro Says:

      Infatti, scrissi pezzetto.

    4. Confucio Says:

      giuste osservazioni che tuttavia mi hanno mosso a dover scrivere per poterne ragionare.

    5. fatacarabina Says:

      beh a leggere vien voglia di smetter di provarci, a scrivere, come prima reazione. Vado a leggere Alice Munro.

    6. madame psychosis Says:

      secondo me il problema sta proprio in quel quarto d’ora lì, nell’illusione di potere che dà. e qui in giro, il quarto d’ora, mica lo si ottiene con una storia scritta bene ma che nessuno ha tempo o voglia di leggere. e allora la frase a effetto, la scrittura semplice che gratifica sia chi scrive che chi legge – perché allora anch’io sono capace di scrivere così e di avere quel quarto d’ora – anche perché serve un sacco di tempo per arrivare a farsi leggere, e questo non è luogo adatto per rimandare e rimandare le gratificazioni che magari non abbiamo là fuori. e allora ci sono quelli che usano il blog o quello che è come userebbero qualsiasi altro pezzo di carta, per scrivere e basta, e ci sono quelli che lo usano per un po’ di (mal)sano ego-boosting.
      lo scrittore è narcisista, ma il narcisismo non fa lo scrittore.

    7. valerio fiandra Says:

      Grazie ( al Sir, ai commentatori partecipi ) per aver puntualizzato una situazione che in più d’uno è evidente. Vale per chi i libri li scrive, ma anche per chi li fa, o recensisce-critica. E lo ammetto, anche per un vecchio lettore come me l’urgenza di fermare la bulimia da testi sulla rete è ormai arrivata al punto d’arrivo. Mi darò una regolata. Già, come fosse facile…

      Per cercare – almeno nelle intenzioni – di imitare Cortez, ho persino tumblrizzato il post, con un addenda augurale…

    8. giulia Says:

      Mi ritorvo in quello che dici. E spesso ho voglia di abbandonare il web e di sedermi a leggere di più. Per ora ho raggiunto un compromesso. Siccome dimentico molto, cerco di fissare sul blog qualche appunto…
      A scrivere ci ho provato, ma per questo ho bisogno di penna e di carta, poi se mai del computer se riesco ad arrivare a qualcosa che mi soddisfi.
      Comunque il tuo è un bel blog

    9. lirì Says:

      Bello il post che hai scritto. Anche io ci penso ogni tanto. Quello che si legge poi si scrive… è verissimo. Vado a leggere un po’ 😉

    Leave a Reply