< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • February 2013
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/02/2013

    Stories of the Bund – Carretti

    Filed under: — JE6 @ 16:15

    Abito all’angolo di Shanxi Bei Lu e Nanjing Lu West. Nei primi tre minuti di cammino verso est, in direzione dell’ufficio, vedo le vetrine di Tiffany, Bulgari, Dior, YSL, Zara, Prada, Hublot, Vacqueron Constantin, Rolex, Corneliani, IWC, Gucci – e ne sto certo dimenticando qualcuna. Vedo anche due uomini, sul marciapiede di destra, stanno dietro a due carretti a tre ruote, come se fossero delle biciclette col rimorchio. Stanno lì, in piedi, col piumino ben allacciato, uno dei due ha pure un paraorecchie, e nel cassone di legno posizionato dietro al sedile sta la loro mercanzia, maglioni, sciarpe e guanti venduti per pochi yuan. Stanno lì, tranquilli, a tenere la loro posizione nel mezzo chilometro più ricco della Cina: non ti invitano a comprare, questo lo fanno i venditori sguaiati del Fake Market o di Dongtai Lu, stanno ad aspettare, e basta. Chissà se qualcuno si ferma, chissà se fanno giornata.

    Leave a Reply