< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • February 2013
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/02/2013

    Stories of the Bund – I panni stesi

    Filed under: — JE6 @ 13:24

    E’ stata una domenica di vento e sole, una di quelle giornate che sgombrano il cielo dall’umidità e dall’inquinamento. Sembra primavera, per un paio d’ore lo è. Lascio il Bund e i milioni di persone che lo affollano, passo il ponte sul Wusong, l’affluente del più grande Huangpu ed entro in questo reticolo di vie, Minhang, Wuchang, case povere schiacciate tra i grattacieli da una parte e Zhapu Lu dall’altra, la via che diventerà più avanti la zona pedonale di Yuanmingyuang Lu con i suoi ristoranti di lusso, i suoi alberghi a cinque stelle, le sue modelle che sorridono in favore di camera per una pubblicità di borse. Tutti i panni di Shanghai sono stesi all’aria oggi: bisogna approfittare del clima, è uno di quei giorni che si asciugano in mezz’ora. Basta alzare di poco gli occhi e ci sono millemila bastoni ai quali sono appesi maglie e mutande e giubbotti e camicie e pantaloni di ogni colore e dimensione, tutte cose gualcite e di bassa qualità – d’altra parte i ricchi hanno altri sistemi e possibilità per curare il proprio guardaroba. Sulla ringhiera che delimita lo spelacchiato prato che fa da spartitraffico tra le sei corsie di Wusong Lu stanno appoggiati lenzuola e piumini, vedo una donna uscire da una porta ed entrare nel parchetto che le sta di fronte a casa, dove un bambino tira e molla le foglie spinose di una specie di palma sotto gli occhi di un anziano, forse il nonno, forse uno zio, e appendere un lenzuolo ad un cavo tirato tra due alberi. C’è un’aria di paese anche se basta girare la testa per vedere i grattacieli di Pudong, quelli che non hanno nulla da invidiare alla parte sud-est di Manhattan, potrei essere in un paesino dei Monti dell’Atlante – anche lì, altro che asciugatrici e termosifoni: il sole, il vento, e la speranza che durino.

    Leave a Reply