< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • February 2013
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/02/2013

    Stories of the Bund – La democrazia del termosifone

    Filed under: — JE6 @ 15:41

    (…) Avevo letto la storia qualche settimana fa in un libro di Yu Hua, “La Cina in dieci parole” (lo so, il titolo è quello che è, fa un po’ “Come essere felici in una settimana”, ma ti assicuro che il contenuto era migliore). Pare che il Grande Timoniere, in una delle sue alzate d’ingegno che tanto ce lo fanno rimpiangere, un giorno abbia deciso che tutte le città cinesi al di sotto di una certa latitudine erano, proprio per quella ragione, di per sé “calde”: e quindi non c’era bisogno di dotare le abitazioni degli opportuni impianti di riscaldamento.

    Il resto lo trovate qui, su Leftwing, che è qualcosa che dovreste leggere comunque, e che molto gentilmente ospita qualche letterina da Shanxi Lu North. Le cose migliori, di solito, sono le risposte del Direttore.

    2 Responses to “Stories of the Bund – La democrazia del termosifone”

    1. Effe Says:

      Dai birilli della periferia meneghina ai grattacieli del lontano oriente; lo avrebbe mai previsto, quel ragazzo con la stecca in mano?
      E ora, è maggiore il senso di infinto o di disorientamento?
      (bello che lei sia i nostri occhi laggiù)

    2. Sir Squonk Says:

      Caro Herr, quale onore averla qui. Pensi che mi son fermato proprio questa sera a bere una birretta in un pub dove dei cinesi giocavano a pool, cambiano le buche e i colori delle biglie ma sempre di tavoli verdi parliamo. Cosa dirle, disorientamento no – tranne quando devo comunicare a gesti con i tassisti. Infinito? Ma no, quello lo sento in America. Energia, ecco. Come una gran corrente che circola per le strade, la corrente delle persone, la corrente delle cose che queste persone fanno.

    Leave a Reply