< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • October 2003
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/10/2003

    Filed under: — JE6 @ 10:43

    Lo spettacolo è assicurato
    Ragazzi, Howard Beale ed il Chiarissimo. Senza ironia, giuro, è un piacere leggerli. Chez una parente del Chiarissimo.
    PS – A me, questo Beale… mah.

    Filed under: — JE6 @ 09:04

    Capire il mondo
    La consapevole difesa della propria intelligenza – e, mi spingo a dire, della propria dignità – è un’opera alla quale ciascuno si dovrebbe dedicare, chessò, almeno un’oretta al giorno. Una cosa tipo cento flessioni e dieci minuti di stretching per mantenere il tono muscolare, ecco.
    Come, però, è faccenda complessa.
    Tutto sommato, si fa in fretta a dire “leggi buoni libri, vai per musei, ascolta buona musica, guarda buoni film” e così via. Ma il dubbio che il libro che si sta leggendo, il museo che si sta visitando, l’album che si sta ascoltando, il film che si sta guardando, in altre parole le fonti di conoscenza e cultura alle quali ci si sta abbeverando non siano “buone” è un dubbio sempre più forte.
    Da un lato perchè è – forse – impossibile definire il “buono” in sè, stabilire criteri qualitativi oggettivi. Per intenderci, c’è qualcuno che può argomentare che Bruce Chatwin è uno scrittore “migliore” di Paolo Villaggio (mia personale opinione: due a zero per Villaggio, ma conosco brutti ceffi che la pensano in modo del tutto diverso, poveri loro)?
    Ma fin qui, siamo nel campo del trito e ritrito. Mi interessa di più pensare a ciò che è “buono” in quanto “utile”, se non altro a capire il mondo. E qui la confusione è massima. Mi serve guardare “L’isola dei famosi“, leggere “Il momento è catartico“, ascoltare “The Eminem Show” per capire dove cazzo sto vivendo?
    Parlo volutamente di cose che mi fanno venire l’orticaria, e parlo volutamente di cose (scusate, “opere” mi pare davvero eccessivo, e “prodotti” comunque limitativo) che vengono viste, lette, ascoltate da milioni di persone in tutto e per tutto identiche al sottoscritto – alfiere della medietà contemporanea.
    Io ho dei gran dubbi. Mi piacerebbe poter rispondere “no”, ma temo di dover rispondere “sì”. E voi, viandanti chez Squonk, che ne pensate?