< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/09/2004

    Buongiorno

    Filed under: — JE6 @ 09:28

    Settimana dedicata alla fuffa di quintostatiana memoria, su questo blog.
    E’ che, gente, leggetevi un po’ la prima pagina o l’home page di un quotidiano, e vedete se riuscite a trovare una buona notizia, qualcosa che non vi incupisca l’animo e che non vi guasti la digestione.
    Chiudere gli occhi, o girarli da un’altra parte, non modifica il corso delle cose; serve, se non si decide a tavolino di disinteressarsi del mondo, a darsi una pausa, a prendere fiato, magari anche a cercare di capire che diavolo succede. Insomma, qui si è cercato di sopravvivere andando un po’ in vacanza, avvertendo nel contempo la propria inadeguatezza rispetto ai fatti della vita; adesso, nei limiti del possibile, si prova a riaprire gli occhi. Si sa già lo spettacolo che ci si troverà di fronte, purtroppo.

    2 Responses to “Buongiorno”

    1. Gilgamesh Says:

      Sir, nel mondo ogni giorno ci sarebbero tante buone notizie quante quelle cattive. Solo che è nella natura dei media dare risalto solo alle seconde e considerare le prime delle non-notizie.
      Per recuperare un po’ di san(t)a voglia di vivere, qualche volta, basterebbe far visita a certi luoghi emblematici: la sala arrivi di un aeroporto, di sera, ad esempio, è piena di persone che si abbracciano e sorridono; una scuola materna nell’ora dei giochi all’aperto, coi bambini che saltano, si rincorrono e ruzzolano; o anche solo vedere una coppia, lui e lei entrambi coi capelli candidi, passeggiare abbracciati sul lungomare ad ottant’anni suonati.

    2. Effe Says:

      lo spettacolo del mondo è sempre lo stesso. Quando riaprirà gli occhi, se è fortunato ci sarà la pubblicità

    Leave a Reply