< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/09/2004

    Law and order

    Filed under: — JE6 @ 10:26

    Tu diventasti capo del servizio d’ordine di Lotta Continua di Roma, un servizio ai limiti della legalità?
    No, no. Un servizio completamente dentro all’illegalità. Lotta Continua era tutta illegale, l’illegalità era la pratica diffusa.
    Spiegati meglio.
    Proteggere dei latitanti era illegale, scontrarsi con le forze dell’ordine era illegale, fabbricare delle bottiglie incendiarie era illegale.
    Quante molotov hai fatto?
    Eravamo una bella fabbrica in piena produzione.

    Hai fatto qualcosa che se ti avessero beccato ti avrebbe portato in galera?
    Come tutti.
    Non sto parlando di molotov.
    Come tutti, come tutti. Abbiamo condiviso il peggio di quel tempo(…).

    Un colpo di spugna su cose così pesanti? Ci sono stati dei morti.
    Da tutte le parti ci sono stati dei morti.
    Ma alcuni non volevano combattere: se ne stavano pacifici a vivere la loro vita.
    Anche le vittime delle stragi se ne stavano pacifici a vivere la loro vita. E quelli che li hanno ammazzati sono tranquilli al posto loro. Da una parte impunità e dall’altra punizioni?

    Dove le avevate rimediate le armi?
    E che domande? La mia risposta sarebbe da collaboratore di giustizia.
    Le avevate comprate? Le avevate rubate?
    Lotta Continua non comprava niente, non faceva acquisti.

    Tu lo sai chi ha ammazzato Calabresi?
    Preferisco non risponderti. Non mi sento libero di parlare di questo.
    C’è il pericolo di mandare qualcuno in galera?
    Anche: ne parleremo quando non avrà più rilevanza penale.
    Sapere chi ha ammazzato Calabresi è importante.
    Questo Stato lo ha già stabilito una volta per tutte. Chi è il mandante, chi l’esecutore. Lo Stato sta già a posto per Calabresi, come per Moro, ma quello che si vuole sapere, ed è una curiosità sana, è qualcosa di più sulle motivazioni, su quello cui la verità giudiziaria non può attingere: la verità storica, una verità che racconti le ragioni dei vinti.

    Sono di sinistra e credo che continuerò ad esserlo, almeno nel breve periodo.
    Ma mi prendo la libertà di dire che di gente come Erri De Luca non se ne può davvero più, che di questa omertà che non sa e non vuole rinunciare ai palcoscenici non se ne può davvero più, che di questo dire e non dire non se ne può davvero più, che di questo guardare con nostalgico orgoglio o orgogliosa nostalgia ai bei tempi della costruzione delle molotov e delle rapine per l’autofinanziamento non se ne può davvero più.
    Mi prendo la libertà di dire che tra i rossi e i neri non c’è alcuna differenza perchè hanno tutti sulle spalle morti, feriti, lutti, paure.
    Mi prendo la libertà di dire che sono di sinistra ma con uno come De Luca so di non avere nulla da spartire.
    Mi prendo la libertà di dire che uno stato con un minimo di dignità manderebbe a casa di De Luca un magistrato ed un paio di carabinieri, magari figli (come me e come altri) di quelli che si prendevano in faccia le molotov fatte in cooperazione con i benzinai, a chiedergli “Beh, signor De Luca, noi di queste sue belle imprese di gioventù vorremmo saperne di più, e ci scusi la rima”, e se la casa del signor De Luca è già stata visitata da magistrati e carabinieri, beh, questi non devono aver fatto il loro lavoro come Dio comanda.
    Mi prendo la libertà, tanto, che male faccio?

    sabellifioretti.com

    Buongiorno

    Filed under: — JE6 @ 09:28

    Settimana dedicata alla fuffa di quintostatiana memoria, su questo blog.
    E’ che, gente, leggetevi un po’ la prima pagina o l’home page di un quotidiano, e vedete se riuscite a trovare una buona notizia, qualcosa che non vi incupisca l’animo e che non vi guasti la digestione.
    Chiudere gli occhi, o girarli da un’altra parte, non modifica il corso delle cose; serve, se non si decide a tavolino di disinteressarsi del mondo, a darsi una pausa, a prendere fiato, magari anche a cercare di capire che diavolo succede. Insomma, qui si è cercato di sopravvivere andando un po’ in vacanza, avvertendo nel contempo la propria inadeguatezza rispetto ai fatti della vita; adesso, nei limiti del possibile, si prova a riaprire gli occhi. Si sa già lo spettacolo che ci si troverà di fronte, purtroppo.