< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/02/2005

    A me un vocabolario, please

    Filed under: — JE6 @ 09:15

    Riprendo un aspetto di alcune polemicuzze che hanno infestato la blogosfera negli ultimi tempi (e che, non senza qualche ragione, provocano repentini assopimenti): le parole che si usano, il vocabolario che viene impiegato.
    D’accordo, ogni campo dello scibile umano ha il suo gergo: ieri sera, l’amabile conversazione fatta con un altro sciagurato che si occupa di marketing è stata per lungo tempo infarcita di inbound, planning e body rental; poi, grazie a Dio, si è aggregata una fotografa del fango, e abbiamo smesso di parlare come alieni (a dire il vero, abbiamo semplicemente cambiato lingua, finendo per usare quella informatico-bloggistica). Quindi, il sottoscritto – probabilmente – predica bene e razzola male.
    Sarà per questo che il sottoscritto di cui sopra – ossimoro – ha deciso di sottoporsi ad una cura di Moretti (le parole sono importanti) e Carver (niente trucchi, per favore): per impedirsi di parlare, chessò, di io-scrivente e io-leggente senza nemmeno accorgersene.

    5 Responses to “A me un vocabolario, please”

    1. DElyMyth Says:

      Beh, potevate anche mantenere il vocabolario, tanto lo capivo 🙂
      (me le cerco, lo so…)
      L’unica parola che dovreste evitare in mia presenza e’ “planning” perche’ mi ci hanno fatto una testa quadra l’anno scorso e adesso se lo sento mi viene l’orticaria 😛

    2. viridian Says:

      Il peggio è che non si realizza di come si sembra da fuori finché non ci si trova al cospetto di qualche non-blogger, che dopo un quarto d’ora diventa cianotico, a metà tra il suppliziato e il mortalmente annoiato.
      O forse, il peggio e quando non lo si realizza neppure in quel caso…

    3. la bambina Says:

      dio-scrivente

    4. Aghenor Says:

      Non è che mi faresti un esmpio di frase compiuta con io-scrivente o leggente 🙂

    5. sphera Says:

      Trovo che “inbound” sia comunque molto più erotico di “io-scrivente”.

    Leave a Reply