< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/02/2005

    Tesoro, fai spazio in giardino

    Filed under: — JE6 @ 14:23

    Perchè, insomma, uno magari vuole (ed ha persino la possibilità di) fare il gran gesto, ma se la fidanzata non ha un giardino di qualche ettaro quadro di superficie, l’elicottero dove lo fa atterrare?
    Repubblica.it

    Scheletri nell’armadio

    Filed under: — JE6 @ 12:10

    Io, schifato dall’ennesimo esempio di telespazzatura nostrana e da quello che un tempo era il mio eroe (Costanzo! Si, non me ne perdevo una di puntata. Vent’anni fa.) mi allontano dal punto in cui si svolge il massacro.
    Anch’io, vent’anni fa, accompagnavo a casa la ragazza, rientravo alla natia dimora, aprivo il frigorifero (caffelatte, Buondì al cioccolato e magari una fettina di salame) e mi guardavo il sor Costanzo. E non era nemmeno male.
    Giusec & Frienz

    L’isola

    Filed under: — JE6 @ 08:50

    Capita che arrivi ad un appuntamento con dieci minuti di anticipo, e ti trovi di fronte un posto del quale senti parlare fin da quando eri piccolo, e che sfiori, senza toccare, tutte le sere mentre torni a casa.
    Allora vai a vedere, e ti succede di camminare su un acciottolato incongruo, incastrato tra cemento, asfalto e vetri delle autostrade e dei centri direzionali, nel silenzio strano delle quattro del pomeriggio. Dentro è tutto un affresco, una teoria di santi dal pavimento alle volte del soffitto; e anche lì, silenzio.
    E ti capita di pregare che succeda qualcosa, una telefonata che ti avvisi che l’appuntamento è saltato, per avere ancora mezz’ora da stare seduto su una panca a ricordarti il padrenostro, da camminare tra i giochi dell’oratorio, vuoti in attesa della primavera e dei bambini.
    Ma la telefonata non arriva. E allora, fai un respiro profondo. E riparti.