< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/02/2005

    Facce ride

    Filed under: — JE6 @ 10:07

    Dicono che un comico fa tanto più ridere quanto più è triste e malinconico fuori dal palco; a giudicare dall’aspetto che aveva il noto comico della scuderia Zelig che ho incrociato ieri in viale Brianza, siamo di fronte ad un nuovo Buster Keaton.

    Inondazione

    Filed under: — JE6 @ 09:19

    Di sicuro, a quelli del marketing di Google devono aver fatto un bel lavaggio del cervello a base di tecniche virali e di importanza del passaparola.
    Il problema è che si devono essere fatti prendere la mano, perchè adesso parecchi utenti di Gmail (quorum ego) si ritrovano in carico 50 account da spacciare in giro per la web-palla. Niente di male, se non fosse che gli utenti in questione (ai quali non frega nulla della market share di Google nei servizi di posta elettronica, con relativi annessi e connessi), in generale, non hanno nessuna voglia di mettersi a fare spamming chiedendo in giro a destra e a manca “Scusa, vuoi un account Gmail?” e, per soprammercato, non hanno nemmeno 50 amici/parenti/colleghi/conoscenti ai quali appioppare il Giga messo a disposizione dai Google-boys.