< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/02/2005

    Greetings from London ’05 – 2. Via dalla pazza folla

    Filed under: — JE6 @ 00:13

    Ci hanno provato anche questa volta, a incastrarmi. Senza nemmeno dirmelo. Un messaggio: “Vieni all’Holiday Inn di Cromwell Road“, mi scrive l’amico norvegese. Va bene, vengo, andremo in pub a berci una birra.
    Invece. Un party. Tutta gente che vedrò domani in fiera, e mi chiedo perchè devo stare qui invece che, come il bravo turista, a guardare per la centesima volta (e sempre senza stancarmi) il Tamigi e il Big Ben illuminato e Whitehall con le statue degli eroi di guerra. Così, mi bevo una birra, scambio due parole, ascolto una canzone fatta – neanche male, devo ammettere – da un gruppo che scimmiotta The Committments senza avere il cantante e con le coriste molto meno gnocche rispetto alle originali, e mi rimetto in metropolitana. Vedo gente, (non) faccio cose, prendo freddo davanti all’Abbazia di Westminster, spendo venti sterline da HMV, mangio al Silver Crown leggendomi l’Evening Standard. Cosa vuoi di più dalla vita? Una McEwan’s, magari, ma nient’altro.

    Leave a Reply