< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • April 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/04/2005

    Interrompiamo le trasmissioni

    Filed under: — JE6 @ 11:37

    Ascolti la rassegna stampa, e non si parla d’altro – sembra che oggi, se leggi una prima pagina le hai lette tutte.
    Ti arrivano le voci di una discussione in corridoio, e ancora di quello si parla.
    Vai a leggere le news, e ci trovi l’edizione straordinaria, con la diretta 24-ore-su-24.
    Le campagne elettorali terminano in anticipo.
    Vieni a sapere che – no, non è possibile – hanno eliminato la pubblicità dalla programmazione.
    Come sempre ti capita in queste occasioni, ti chiedi se non si sta esagerando, se tutto questo non è troppo, se non sarebbe meglio smorzare un po’, sforzarsi di rendersi conto che, nel frattempo, avvengono altri fatti di non poco conto – chessò, nel giro di un paio d’anni la nomina di Wolfovitz a presidente della Banca Mondiale potrebbe magari essere decisiva per la sorte di centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo.
    Poi, pensi che questa mattina, quando fuori era ancora tutto buio e tua moglie e tua figlia dormivano ancora il loro giusto sonno, tu hai letto il Televideo per sapere com’era andata la notte, pensi che domani, o dopo, o quando verrà il momento che qualcuno ti dirà che è finita anche per lui ti fermerai per un paio di secondi in silenzio, e ti sembrerà che se ne sia andato via per sempre un pezzetto di te e della tua memoria. E allora, seppure continuando a vedere quanta ipocrisia sta dietro e riesce a muovere questa grande macchina della commozione pubblica, pensi anche che non è tutto immotivato; così, ti tieni in tasca un po’ di cinismo, e ti metti a fare altro.

    3 Responses to “Interrompiamo le trasmissioni”

    1. lester Says:

      Stiamo parlando dell’unico personaggio della cronaca di oggi che entrerà nei libri di storia (l’ho scritto paro paro anche da un’altra parte, mi consenta di risparmiare un po’di fatica mentale): qualche volta l’enfasi è giustificata.

    2. sphera Says:

      Lester, mi auguro davvero sia l’unico. Vorrebbe dire che gli altri non son poi riusciti a far troppi danni.

    3. .G Says:

      >>Vorrebbe dire che gli altri non son poi riusciti a far troppi danni.

      Io qualcuno che danni ne ha fatti abbastanza per finire in un libro di storia ce l’avrei in mente.

    Leave a Reply