< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • September 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/09/2005

    Le colpe del passato

    Filed under: — JE6 @ 09:17

    Tra coloro che hanno espresso le proprie perplessità a Luca Sofri in merito a questo suo post sulla richiesta di un intervento legislativo per impedire la candidatura di chi è stato condannato per qualcosa c’è anche il sottoscritto.
    Ieri Luca ha risposto pubblicamente. D’accordo, di fronte alla legge chi ha scontato la pena è un cittadino come gli altri, con uguali doveri e diritti; e d’accordo, i parlamentari li eleggiamo noi, non ci vengono imposti, quindi siamo liberi di sceglierli oppure di negargli il nostro voto per motivi che attengono soltanto la nostra coscienza o sensibilità. Mi rimane però intatta la seconda perplessità che avevo espresso a Luca, che riguarda la capacità/possibilità dei singoli elettori di informarsi sui trascorsi dei candidati per poterli correttamente valutare – per dire, chi si ricorda il caso di Gianstefano Frigerio?

    6 Responses to “Le colpe del passato”

    1. papi Says:

      Si potrebbe aggiungere che alcuni candidati (Previti?) sono praticamente “imposti” dai partiti, nei cosiddetti collegi blindati, per motivi che, eufemisticamente, io potrei non condividere.

    2. dado Says:

      è lo stesso concetto per il quale il conflitto di berlusconi non esiste per il solo fatto che parte degli italiani lo abbia votato…

    3. Squonk Says:

      Non credo che il punto sia questo. Luca sostiene che se una persona è stata condannata ed ha scontato la pena, non vi è motivo per cui gli debba essere impedito per legge di candidarsi. Dopo sta a chi vota (a noi) decidere se quella persona merita il voto o meno. Il ragionamento fila, ma – ripeto – secondo me si scontra con la concreta difficoltà di reperire informazioni sui candidati.

    4. Carlo Says:

      Infatti nessuno gli impedisce di candidarsi. Resta il fatto che io vorrei sapere se il mio candidato è stato in galera, o è stato condannato, ecc.

    5. Massimo Morelli Says:

      Diciamo che possa candidarsi solo al maggioritario?

    6. dado Says:

      si ma questo in un mondo ideale in cui il voto è esercitato in modo responsabile e informato. diciamo che dipende dal reato ma se uno è reo confesso di concussione sarebbe meglio non mantenerlo a vita come premio…

    Leave a Reply