< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • September 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/09/2005

    Mioddio, chi è quel tipo nello specchio?

    Filed under: — JE6 @ 21:46

    Sottoponendosi ad una pur severa autocritica, il titolare direbbe che l’unico elemento che differenzia la sua versione autunno-inverno da quella primavera-estate è una gradevole abbronzatura che non portava dalla lontana estate del 2000.
    Eppure, nelle ultime ventiquattro ore, vi è chi gli chiede cosa mai succede (a fronte di una affermazione quanto mai banale come “tutti i gusti son gusti“: passi se avesse gridato, in puro Roth-style, “Viva la f***!!!“) e chi lo trova particolarmente incattivito. Boh, si dovrà preoccupare?. Comunque, vogliate scusarlo; va a cambiarsi, chè i panni dello Squonk-Hyde cominciano a dargli noia.

    Hai un dito nella f***?

    Filed under: — JE6 @ 10:21

    Ecco a cosa serve aver scritto un discreto numero di grandi romanzi e almeno un capolavoro: a piazzare in un libro un buon numero di pagine che non sfigurerebbero in una rivista porno di serie B, e continuare ad essere considerato uno dei massimi scrittori viventi. Chapeau.
    Philip Roth, “Il teatro di Sabbath