< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/01/2007

    Fuori come va?

    Filed under: — JE6 @ 09:06

    Io sono affascinato dalle persone che hanno Visioni. Non parlo di fantasmi e cose del genere, no. Visioni, con la maiuscola. Visioni, idee complessive del mondo. L’altra sera, un amico mi ha scritto “Vedo invece che tu hai sempre un bel parere ed una bella idea quasi su tutto, ti invidio in questo“; fatta la tara delle smancerie tra amici, gli ho risposto “io ho dei pareri, ma non ho una visione, che forse è la cosa che conta“.
    Guardo le cose, leggo, mi informo. Ma faccio una dannata fatica a mettere le cose insieme, a unire in una idea del mondo i pacs, il surriscaldamento globale, i diritti televisivi del calcio, la chiusura di un fan club di Britney Spears, le staminali nel liquido amniotico, la verifica di governo, l’iscrizione alla prima elementare della persona corta, le migliaia di euro che devo pagare al notaio, il download degli mp3. Eccetera. Eppure mi sembra che un sacco di gente questa idea ce l’abbia, riesca a trovare connessioni, legami logici, riesca a spiegarsi le cose, riesca ad avere una struttura di pensiero e di analisi sulle cose che vede e che vive – direttamente o di riflesso.
    Ripeto, sono affascinato da queste persone, e ne sono anche un po’ invidioso. A spizzichi e bocconi sta arrivando il momento di provare a spiegare alla persona corta come vanno le cose del mondo, e mi rendo conto che non lo so, io non lo so come vanno le cose del mondo.

    14 Responses to “Fuori come va?”

    1. Massimo Morelli Says:

      Fingono.

    2. livefast Says:

      interessante questo tuo pensiero, arguto. io credo che la gente, più che una *visione* del mondo, abbia una *sensazione* del mondo, che deriva dalla sintesi inconscia che il cervello fa del gran vociare che ci circonda. quelli che hanno una *visione* vuol dire che in tutto ciò vedono una *logica*, cioè, per semplificare, vuol dire che sono matti da legare o – come dice massimo – pazzi e bugiardi non son categorie da frequentare. non troppo, almeno.

    3. livefast Says:

      EDIT: o – come dice massimo – fingono. altrimenti tutto ciò non ha senso veruno.

    4. Antonio Cangiano Says:

      “A spizzichi e bocconi sta arrivando il momento di provare a spiegare alla persona corta come vanno le cose del mondo, e mi rendo conto che non lo so, io non lo so come vanno le cose del mondo.”

      Ti invito ad ascoltare “Non insegnate ai bambini” del Signor G.

    5. Squonk Says:

      Anche il signor G. ha scritto le sue retoriche cazzatelle, possiamo dirlo senza peccare di lesa maestà.

    6. utenteanonimo Says:

      “Chi ha visto la Madonna?”
      “Elettroencefalogramma. Bipolare”

      intrigante questa deriva nel pensiero debole, angusto. Eppure io credo che lo smarrimento ti derivi da quell’ansia terzista che tempera il tuo sistema di valori forti, che pure ti è proprio e sufficientemente manicheo. E da una certa inattitudine-inettitudine a definire priorità, figlia dell’ansia di captare il rumore di fondo (e amplificarlo sul blog, magari) in cerca di un senso a cose che non urge sistemare nella tua Weltanschauung 2.0.
      Come ogni terzista vivi come peccato originale la *dialettica* **irrisolta** che non produce *sintesi*, incerto tra l’essere e il non è-se-serenol.
      E in ogni caso il poeta è un fingitore e la peota ha un rematore.

      “…ho capito. Tre applicazioni di AFASOL. da un’ora l’una!”

      [le mie scuse cloridrate di sviluppina brematurata, come fosse livefasupercazzola per aver pedissequamente ricalcato lo schema del ragionamantani]

    7. Squonk Says:

      Caro UA, lei mi conosce bene, e in due righe mi descrive come io farei fatica a fare usandone un centinaio. E’ proprio così, cerco di captare il rumore di fondo (l’amplificazione sul blog è un passo successivo e non vincolante, per inciso); ma questo, per sua natura, è indistinto: io mi chiedo se c’è un filo rosso che lega i brandelli di suono oppure no. Perchè, se esiste, quel filo rosso mi interessa, mi può persino – come dire – “servire” a completare o mettere in discussione la mia eventuale Weltanschauung (arrivando così alla sua release 2.0). Discuto invece che il mio sia un tentativo di dare senso a cose che non hanno priorità di sistemazione, semplicemente perchè non lo so se hanno una priorità, se hanno un’importanza. Della chiusura del fan club di Britney Spears me ne posso fregare allegramente, ma forse il solo fatto che esista un fan club di Britney Spears mi dice qualcosa di questi tempi qui. Solo, non capisco cosa (se non che le tette grosse piacciono sempre: magari questo è quanto).

    8. Gianluigi Says:

      E’ uno stato d’animo che mi sento di condividere. La sensazione di non riuscire a mettere insieme le cose come facevo con i mattoncini del lego è molto forte.
      Un saluto
      Ginaluigi

    9. Zio Burp Says:

      Già, però mi sfugge il nesso tra Britney e le tette grosse.

    10. Squonk Says:

      Si capisce che lei non ha visto su MTV il confronto tra Britney e Christina – una delle dieci voci era “Best boobs” e Britney ha vinto alla grande (ma perchè mi fa mandare in vacca un post profondo-e-pensieroso, eh?)

    11. chamberlain Says:

      l’epifania religiosa è già passata, ma quella personale è sempre in agguato.

    12. AdRiX Says:

      A me piace avere una visione. Consapevolezza, si può anche definire. Mi preoccupa un di più chi ha una Missione: solitamente si traduce nello sterminare in nome della Missione qualcun altro.

    13. il sentiero giusto » Blog Archive » Says:

      […] […]

    14. Zio Burp Says:

      Sì mi scusi, aveva ragione lei. Sulle dimensioni di Britney e sullo svaccamento del post…

    Leave a Reply