< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/01/2007

    L’oro piana

    Filed under: — JE6 @ 09:27

    Targhe alterne, blocchi della circolazione, Euro 5 dal 2009 ed Euro 6 un po’ più in là: tutto giusto e buono, ci mancherebbe. Però poi viene fuori che le emissioni del bestiame sono più dannose per il clima (se non altro per le loro quantità) di quelle delle automobili, e che bisognerebbe vestirsi di fibre sintetiche perchè così si consumerebbe meno acqua calda per il lavaggio dei capi e meno energia elettrica per stirarli: a proposito, ma voi vi vestireste solo con abiti usati, per fregiarvi del titolo di ecofriends?
    New York Times (registratevi, che è gratis)

    8 Responses to “L’oro piana”

    1. Zu Says:

      Sugli abiti sintetici nutrivo solo un pregiudizio olfattivo fino a qualche giorno fa, quando un’amica mi ha raccontato di come abbia rischiato di trasformarsi nella Torcia Umana per un ritorno di fiamma che dalla stufa a legna l’ha lambita, divampando grazie al suo vestiario (se l’è cavata con ustioni non gravi e un grosso spavento).
      Per essere il più possibile compatibili con l’ambiente, meglio ridurre semplicemente il numero di acquisti, facendosi andare bene e adoperando le stesse cose fino a consunzione.

    2. theo Says:

      Mah… io son tanto schincione che potrei anche ma non so se poi girerei con la spilletta dell’ecofriend, ho tolto anche gli antipixel dal blog… 😛

    3. sphera Says:

      Basta sporcarsi di meno, perbacco. Magari investire in una bavaglia, in un grembialino. Di canapa, per esempio.
      http://www.usidellacanapa.it/canapa/risorsa.html

    4. Paolo Says:

      perche’ non vestirsi tutti uguali tipo “la fuga di logan”?
      quando sento parlare gli stilisti alle sfilate li ammazzerei tutti senza ritegno.

    5. ilaLuna84 Says:

      Dipende da CHI li ha usati, i vestiti. E, soprattutto, da QUANTO! 😀

    6. severine Says:

      Io sto valutando l’opzione “pannolini ecologici” (visti qui: http://www.popolini.com), perché mi fa impressione pensare che uno così piccolo possa produrre 1.000 chili di rifiuti in un paio d’anni di vita.
      Se li trovo poi recensisco senza risparmiarvi i dettagli.

    7. pm10 Says:

      tenere i vestiti fino a che si consumano, e comperarne con parsimonia. riciclare quelli che non si usano piu’. vestiti usati? “ah se si trovasse la mia taglia”, certo li preferirei vintage – farei una strizzatina d’occhi, ma qui e’ vietato – certo che il sintetico di cui si fa larghissimo uso recentemente e’ abbastanza puzzone oltre che molto infiammabile.
      Severine: assomigliano ai ciripa’ di quando eravamo fanciulle. mutandina di plastica riusabile e pannolino di cotone dentro.
      cmq consumare meno, consumare meglio e’ un buon motto. imho.

    8. severine Says:

      Ah, dimenticavo: io ho un vestito che arriva da un negozio dell’esercito della salvezza negli stati uniti. E’ bello, di lino. Me l’aveva mandato un mio amico e l’ho messo un sacco (almeno finché non l’ho ritenuto un po’ troppo corto per la mia età).
      Se è per questo faccio anche cose più schifose.

    Leave a Reply