< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/11/2007

    Lavori socialmente inutili

    Filed under: — JE6 @ 09:39

    Io non credo che la scienza debba essere seriosa, ma penso che non si dovrebbe far sbertucciare, perchè la credibilità conta, e non poco. Così, io me li vedo questi ricercatori della University of Pittsburgh and California destreggiarsi tra Omega 3 e Omega 6, e farsi quattro risate al bar del campus mentre categorizzano le donne come “clessidre” o “pere” – e mi chiedo “ma lavorare, no?”.
    Repubblica.it

    4 Responses to “Lavori socialmente inutili”

    1. vic Says:

      Ecco, e ora col mio post dallo stesso titolo (ma che parlava d’altro) che ci faccio, eh?
      Non è la prima volta che abbiamo le medesime intuizioni, ma lei se ne approfitta perché è un uomo del marketing, qualsiasi cosa significhi.
      Avessi un avvocato le darebbe mie notizie; in mancanza di avvocato, gliele dò direttamente io: sto bene, grazie, anche se iersera ho dovuto prendere un’aspririna prima di coricarmi.

    2. Squonk Says:

      Non starà cercando di farmi sentire in colpa, vero?
      [Un’aspirina? Non mi faccia preoccupare, la prego]

    3. vic Says:

      Se stavo dicendo sul serio o meno l’avrebbe capito solo dalla presenza di una faccina in calce al commento. Ora rimarrà col dubbio per sempre.

    4. riccionascosto Says:

      Lo dice perché non è una donna-clessidra, Sir.
      Immagini stuoli di donne ancheggianti, che finalmente si sentono liberate dalla schiavitù del formosa=stupida (bella non si può dire solo dalla forma della silhouette, in questo caso informazione necessaria ma non sufficiente)e, oltretutto, autorizzate a tenere un po’ di cellulite su fianchi e cosce (Omega3, che ti credi? è tutto cervello, o quasi).

      Una rivoluzione.

      (però non le immagini troppo, soprattutto ancheggianti)

    Leave a Reply