< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/01/2008

    Quante volte, figliolo?

    Filed under: — JE6 @ 14:59

    Allora figliolo, dimmi. Ogni quanto usi Facebook?
    Hmm. Una volta ogni tre settimane, più o meno
    LinkedIn?
    Lo stesso; forse una volta ogni due e mezzo, ma siamo lì
    Flickr?
    Flickr? Hahahahahaha. Una volta ogni sei mesi
    Anobii?
    Oddio, non avrò mica aperto davvero un account di Anobii. E chi se lo ricorda più?

    [Insomma, l’ennesima variante della pace dei sensi – o un ottimo esempio di un-social]

    Guardiamoci allo specchio

    Filed under: — JE6 @ 08:41

    Questo è il paese che non riesce a spedire la posta, che si abbona ad un servizio senza capire cosa sta comprando, che scrive “toporagna ti amo” sul marmo di Ponte Milvio. Insomma, non è che può pretendere più di tanto dai suoi rappresentanti politici, secondo me.
    Repubblica.it, Piovono Rane, Lucchetti Ponte Milvio