< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • June 2008
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/06/2008

    Logoramento

    Filed under: — JE6 @ 09:56

    Se i maggiorenti del PD – Franceschini incluso – avessero anche soltanto una vaga idea di quanto siamo logorati noi elettori, di quanto siamo annoiati dall’ennesimo deja-vu – perchè è vero che Terence Hill e Bud Spencer fanno milioni di spettatori alla milionesima replica, ma almeno loro fanno ridere.
    Repubblica.it

    4 Responses to “Logoramento”

    1. john Says:

      Anche questi però iniziano a farci fare qualche risata

    2. b.georg Says:

      non dico di no, il problema esiste (anche se vorrei far notare che non è che nel centrodestra se la passassero meglio), solo mi chiedo se non ci sia anche e in che misura un effetto “agenda setting”, un po’ come per la paura – mentre la probabilità statistica di subire una violenza è alquanto bassa, i giornali – Repubblica in testa – hanno strombazzato per anni il rischio sicurezza, enfatizzando certi episodi e tacendone altri. Così, che ci siano trame, appostamenti, guerre intestine sarà anche vero – sarà vero soprattutto che ci sono posizioni diverse, il che mi pare il minimo – ma in parte l’aria è anche appestata dall’effetto “titolo di repubblica”. E mi azzardo persino a dire che esiste un contro-effetto, dai giornali ai protagonisti, almeno a leggere l’intervista un po’ surreale a Franceschini. Mi pare una fatto acclarato, ormai le cronache di giornale in fatto di politica si soffermano solo sulle minchiate (qualcuno sa di cosa ha parlato Sacconi l’altro giorno alla cisl? No, però tutti hanno dedicato almeno una paginata al “vaffanculo”). Nel merito, la goduria dei redattori di repubblica nel mostrare D’Alema che trama contro Veltroni perché lavora alla sua fondazione (che esiste da diec’anni ed esprime semmai l’intelligenza dell’uomo, abile a capire che i partiti moderni sono coaguli di lobby e di think-tank e che l’assenza di identità politica è uno dei limiti attuali più gravi del pd) a me logora parecchio. La parallela impressione che nel pd il problema sia burocrazia contro forze nuuove, vecchi contro giovani, professionismo della politica vs società civile (ugualmente spinta da Repubblica, nel suo incredibile populismo delle élite) non credo rispecchi granché la realtà attuale, né i problemi, pur enormi, della attuale leadership di quel partito.

    3. d.l. Says:

      eh!
      inoltre quelli non solo non fanno ridere, ma fanno un po’ piangere (o disperare, a scelta)

    4. arsub Says:

      In effetti nei titoli di Repubblica appare con assoluta regolarità la parola “scontro”, scontro all’interno di una coalizione, di un partito, di una corrente, di una subcorrente, tra i familiari del tale politico, e via di questo passo. Se ne potrebbe addirittura fare uno studio statistico per quel che riguarda la sua incidenza, con una valutazione degli effetti (dello scontro) a due giorni, una settimana, un mese. Nella stragrande maggioranza dei casi si troverebbe un tempo di decadimento non superiore alle 24 ore.

    Leave a Reply