< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • October 2003
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/10/2003

    Filed under: — JE6 @ 08:46

    In bianco e nero
    Qui si fa di tutta l’erba un fascio, lo so
    Questa mattina, rassegna stampa su La7. Passa una fotografia di Alessandro Galante Garrone, da giovane. Un bianco e nero come ne abbiamo visti tanti.
    Ed i volti di un tempo.
    Io non c’ero negli anni Quaranta. Non so dire che vita si facesse; a sentire i miei genitori, si stava peggio quando si stava peggio, ma forse la Sardegna rurale dell’epoca non è l’esempio migliore da portare.
    Ma le facce, e le fotografie. Mi sembrano più belle, più vere, nonostante le persone si mettessero in posa, davanti all’obbiettivo, assumendo posture che definire artefatte suona come un pallido eufemismo. E’ che anche noi, di fronte alla macchina fotografica (o alla videocamera digitale, i tempi passano), stiamo lì come divi di seconda mano, a riassumere decenni di stelle del cinema, rockstar, e perfino modelle di profumi.
    Guardo le fotografie stipate negli album di casa, gli anni della scuola superiore, i mesi passati in divisa a Merano, le gite con gli amici e con la fidanzata che sarebbe diventata moglie, e mi rendo conto che ai miei nipoti non faranno mai, dico mai, lo stesso effetto che facevano su di me le foto dei miei nonni. Scorreranno via, come le pagine pubblicitarie di una rivista femminile.

    2 Responses to “”

    1. Effe Says:

      Non si metta in posa! Non sa che la fotocamera ruba l’anima?

    2. georgia Says:

      Novella Faust? Oibò.

    Leave a Reply