< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/09/2004

    Galleggianti di serie

    Filed under: — JE6 @ 09:26

    A guardarsi intorno, in piscina, si ha chiaro il quadro del decadimento fisico di un paese.
    Dapprima ognuno si consola, guardando le pance e le celluliti altrui, ma pochi minuti dopo, quando i polmoni si sono ormai ridotti a capocchie di spillo e non c’è un solo muscolo che non stia implorando pietà, ognuno maledice se stesso, la propria pigrizia, il proprio desiderio di piacere a se stesso e agli altri, e vorrebbe solo morire lì, in quel preciso istante, lasciandosi sciogliere dal cloro.

    12 Responses to “Galleggianti di serie”

    1. Gilgamesh Says:

      Coraggio, Sir, dopo un paio di settimane smetterà di arrivare morto alla fine dell’ora e sarà solo moribondo.. e una volta rotto il fiato, comincerà a trovare piacevole la sensazione di sfinimento dopo un bel numero di vasche.
      Comunque, qui a Cagliari, sarà che nel mio turno (mattina presto) ci son parecchi che fanno agonismo, ma c’è una preponderanza di belle figliole piuttosto in forma e giovanotti assai tonici, che sono un discreto stimolo a migliorarsi. C’è perfino un settantenne, che nuota da una vita, ha i suoi ritmi ma nel fondo potrebbe dare dei punti a molti quanrantenni.
      Mi dica, piuttosto, ha avuto modo di esplorare Lulu e Inedito?

    2. Squonk Says:

      L’unico stimolo che avevo, ieri sera, era quello di sopravvivere. In effetti, devo dire che è servito.
      Inedito: interessante, mi sa che lo provo. Lulu: non ho ancora guardato, le farò sapere.

    3. mucho maas Says:

      su su, sir.
      abbia un pò di costanza, come le dicon sopra. Dopo solo tre anni (!) di vasche ossessive sono più in forma di quando avevo vent’anni. L’importante è darsi degli obbiettivi minimi mese per mese e trovare delle distrazioni per il cervello.

    4. bellobello Says:

      ma no, ma no, perché morire? se non si riesce a vincere il nemico, ci si allea: a vai con le mega mangiate pantagrueliche! Cmq per quel che mi riguarda se dovessi descrivermi potrei dire che sono un Homer Simpson chiuso in un corpo tonico a forza di ore e ore di palestra, che aspetta solo una mia distrazione per uscire fuori!

    5. sphera Says:

      Comunque le sta venendo un’andatura danzante da nuotatore, si fidi. Da sirena, quasi.

    6. Placida Says:

      Fare sport ti migliora l’umore, sai Squonk? (faccinascherzosa)

    7. Squonk Says:

      Ad avercelo, un umore, uno qualsiasi. Riparliamone tra un paro di settimane, vah.

    8. farfintadiesseresani Says:

      1. Te guardati con l’occhio interiore e vediti simile a Rosolino (quello che sta con la Capua, non Pilo il patriota, ché è morto).
      2. Occhio a non provocare il cloro, che poi s’incazza e ti prende in parola.
      3. Ricordati sempre che “fa male ma fa bene”.

    9. lester Says:

      Alla fine dalla mia prima giornata in piscina ero così stanco da avere la nausea.
      Ma poi con un po’ di allenamento aumenta la capacità polmonare, ed è una soddisfazione quando l’esercizio ti stanca, ma non ti distrugge. L’importante è non pretendere tutto subito.

    10. Effe Says:

      si limiti a galleggiare.
      al giorno d’oggi è già risultato apprezzabile

    11. marco Says:

      Per quanto nuotare sia a volte alienante (fondo piscina, soffitto piscina, fondo piscina ..) e per quanto il sottoscritto sia la dimostrazione perfetta che macinare vasche in giovane età non porta necessariamente ad avere un fisico aitante, dandoci dentro si ottengono risultati (i.e. dopo un po’ si sta meglio e ci si diverte pure) in tempi ragionevoli rischiando molto meno che in altri sport di incappare in malanni da usura/eccesso di entusiasmo come tendiniti e qualcositi varie.
      Persista.

    12. CM Says:

      Il cloro ti uccide con l’onda.

    Leave a Reply