< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • September 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/09/2005

    Tu guarda che fiera

    Filed under: — JE6 @ 07:49

    A giudicare dall’ingorgo che alle 7.25 di questa mattina ostruiva la grande rotonda di Mazzo di Rho in corrispondenza dell’ingresso merci del nuovo polo fieristico meneghino, parrebbe che la realizzazione del polo medesimo abbia avuto come unico evidente risultato la traslazione degli ingorghi dalla città alla provincia. Sono soddisfazioni, è evidente.

    3 Responses to “Tu guarda che fiera”

    1. apelle Says:

      Credo di non sbagliarmi troppo se dico che negli ultimi tre anni attorno alla rotonda di Mazzo ci sia stato il tasso di trasformazione territoriale più alto del mondo.
      Nuovo polo fieristico, nuovi svincoli autostradali, nuovo collegamento della metropolitana e, adesso, costruzione del cavalcavia della Tav, con relativo maxi cantiere che, tra l’altro, procede a ritmi inusitati. (senza contare i cantieri di manutenzione ordinaria sul Sempione tra Rho e Pero aperti in questi giorni).
      E’ indubbio che, fin quando non sarà tutto finito e rodato, i problemi di viabilità non mancheranno.
      Ridurre però il tutto ad una semplice traslazione di problemi mi sembra un po’ riduttivo, non crede?
      Altrimenti ricadiamo nel solito cliché: se non si fa ci si lamenta, se si fa ci si lamenta lo stesso…

    2. skz Says:

      La palma d’oro del piu’ alto tasso di trasformazione urbanistica territoriale se l’è (fortunatamente o sfortunatamente) beccata Torino… un cantiere a cielo aperto da quasi 4 anni. dolore.

    3. .G Says:

      sarà che non metto piede fuori dalla circonvallazione da tempo, ma non mi sembra una brutta cosa.

    Leave a Reply