< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • September 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/09/2005

    Demagogia spicciola

    Filed under: — JE6 @ 11:35

    Non avete anche voi la sensazione che tutta questa gente che finisce sulle pagine dei giornali grazie alla capienza delle proprie narici si ritroverà, alla fine, a cascare in piedi e – anzi – a trarre beneficio persino dallo sputtanamento cosmico?

    Varianti accettate: piove sempre sul bagnato, i soldi chiamano soldi (ad libitum)

    One Response to “Demagogia spicciola”

    1. mucho maas Says:

      non lo so, credo che l’abuso (non l’uso!) di uno supefacente sia molto spesso la spia di un malessere, e che comunque la depressione sia l’exitus certo di una dipendenza. Poi certo,è più facile provare compassione per il dropout eroinomane o alcolista che per il personaggione gonfio di verdoni. Però pensa a Pantani e a Belushi (e a qualche decina di rockstar): son cascati belli stesi. Se uno non è Ketih Richards, meglio che ci vada pianino.

    Leave a Reply