< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • October 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/10/2005

    I co.co.co. della politica

    Filed under: — JE6 @ 10:32

    C’è, in questa intervista che Beppe Grillo ha rilasciato a Repubblica, una frase che mi lascia perplesso, per usare un eufemismo: Il politico deve tornare a essere un dipendente dei cittadini. Quindi noi facciamo votare un programma energetico, per dire, e poi chiamiamo il politico e gli diciamo: ti diamo i soldi, l’obiettivo e un tempo per realizzarlo. Se non avrà raggiunto il risultato, verrà licenziato. Come si fa con i co. co. co.
    A prima vista, sembra molto ragionevole: l’eletto è colui che fornisce corpo e voce ai desideri ed ai bisogni degli elettori. Però mi chiedo: tutto qui? Il politico deve veramente essere un mero esecutore, il manager (ma no, sarebbe troppo: il quadro, o l’impiegato di settima) che prende ordini dall’azionista ed esegue senza metterci nulla del suo?
    Da cittadino, a me non dispiacerebbe che i politici – almeno quelli che io voto – mi dessero retta, dando prova di vivere nel mio stesso mondo e di condividere i miei stessi bisogni ed obiettivi. E mi piacerebbe che non disattendessero – in modo a volte clamoroso – le mie manifestazioni di volontà. Ma vorrei che, appunto, ci mettessero del loro. Vorrei che fossero delle teste pensanti, con un progetto per la società che si trovano a guidare, anche se solo pro tempore. Vorrei che avessero buone idee che a me non vengono. Kennedy, De Gasperi, Thatcher, Adenauer, Reagan: non erano, con tutti i loro pregi e difetti, dei soldatini. Io vorrei essere governato da gente così, non dai burocrati di Grillo.
    Repubblica.it

    11 Responses to “I co.co.co. della politica”

    1. sphera Says:

      Nientedimeno! E poi cosa vuole ancora? Una batteria di pentole in regalo?

    2. marco Says:

      Da quando in qua Grillo e’ diventato il suo politologo di riferimento ?

    3. Squonk Says:

      O io non mi spiego, o lei non mi legge, o lei mi prende in giro. Sa che non so cosa augurarmi?

    4. diderot Says:

      l’idea di grillo non è nuova, ci pensò giannini cinquant’anni fa.

    5. marco Says:

      Facciamo un 33.3% per ciascuna delle tre opzioni ?
      (il rimanente 0.1% lo piazzi lei dove vuole)

    6. Squonk Says:

      Beh, c’è un 66,6% di negatività, ne converrà anche lei.

    7. marco Says:

      Non si addolori, qui l’unico problema (per cosi dire) e’ che lei prende sul serio tanto Grillo quanto me, mentre io me ne guardo bene.

    8. Squonk Says:

      Ecco, questo è un punto interessante. Non sono io a prendere sul serio Grillo, sono molte – molte – persone “là fuori”; così, penso che tocchi farlo anche a me.

    9. marco Says:

      Bene, siamo arrivati al punto.
      Penso che la cosa piu’ sana sia continuare a considerare Grillo per quel che se e’, i.e. un comico (che, per quel che vale, per me fa bene il suo mestiere). Dovrebbe essere superfluo ricordare, ma lo faccio lo stesso per chiarezza, che per me un comico non ha ne piu’ ne’ meno dignita’ di un politico, un cantante o un panettiere. Rimane pero’ il fatto che un comico non e’ un politico, per cui prendere le affermazioni di Grillo come qualcosa di sostanzialmente diverso da una battuta non funziona, perche’ una battuta che diventa posizione politica non puo’ che tradursi in posizioni qualunquiste e/o manichee. Se sono in molti “la’ fuori” a fare questo sbaglio e’, alla fine, un loro problema (lo so, sono il solito snob).

    10. Squonk Says:

      Qualche nota sparsa: non escludo che un comico possa diventare un politico (anche in senso “ampio”, non strettamente professionale), anzi. Grillo, in realtà, non viene considerato come un politico, ma come una specie di capopopolo, che è una cosa abbastanza diversa: ed è lui stesso a calarsi in quel ruolo, quando dice “chiamiamo il politico e gli diciamo:(…)”.
      E infine, se ci sono molti “là fuori” a fare uno sbaglio – posto che sia tale, applichiamo il beneficio del dubbio – questa diventa comunque una questione che interessa anche me: ha presente tutti quelli che hanno votato Berlusconi? Ecco.

    11. Ja Says:

      Quando Repubblica.it inizia a pubblicare in prima pagina le ultime barzellette del premier, come stamattina, capisci finalmente che siamo governati da un capocomico in un paese di comici. Tutti, nessuno escluso, nemmeno i giornalisti. A questo punto un comico professionista finisce anche per avere un vantaggio competitivo sui comici dilettanti della politica.

    Leave a Reply