< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • October 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/10/2005

    Bollicine

    Filed under: — JE6 @ 10:42

    A partire da sabato, questo blog si sposta – insieme al suo titolare, pare – nella vecchia capitale della confederazione sudista. Sarà interessante vedere se e come è cambiata nel corso degli ultimi nove anni. Si prevede il canonico tour degli studi della CNN, il pellegrinaggio alla casa natale di Martin Luther King, un paio di birre da Hooters e la degustazione di tutte le bevande del gruppo Coca-Cola disponibili al WOCCA. Se mi capita di incontrare Rossella O’Hara, ve la saluto.

    Me ne vado!

    Filed under: — JE6 @ 10:30

    Fatte le debite proporzioni, separarsi via stampa o in diretta televisiva mi pare tanto volgare e paraculo quanto farlo, chessò, al tavolo del ristorante in compagnia di amici e parenti, o sulle scale della fermata della metropolitana.
    E’ che sono un vecchio barbogio, forse anche un po’ bigotto. Perdonate.